Avellino, a rischio l’iscrizione al campionato di Serie B

0
sirignano

La Covisoc non ha ritenuto valide le domande di partecipazione al campionato di Serie B l’Avellino, il Bari e il Cesena

Aggiornamento ore 00:00 – In attesa del comunicato ufficiale della Figc, arrivata comunque la conferma dell’iscrizione con riserva. Tutto ruota intorno ad una fideiussione da 800 mila euro tratta da un istituto di credito straniero.

Per il presidente dell’Avellino Walter Taccone l’iscrizione è regolare, ma per la Covisoc è da rifare perché rilasciata da chi  rientra nell’elenco degli istituti autorizzati, sprovvisto di parametro Ivass.

Brutte notizie per l’Avellino Calcio che deve fare presto per completare la ricapitalizzazione della società, pena l’esclusione alla stagione 2018/2019 del campionato di Serie B.

La società dell’Avellino guidata dal presidente Walter Taccone ha tempo fino a lunedì 16 per fare ricorso, per ricapitalizzare e per mettersi in regola con i pagamenti arretrati di Irpef e degli stipendi dei calciatori.Avellino, Calcio

Alla società del Bari mancano 3 milioni per completare l’aumento di capitale. Il Cesena invece è in una situazione ancora più articolata: si era iscritto anche senza l’accordo con l’Agenzia delle Entrate per la ristrutturazione del debito (circa 40 milioni dei 73 complessivi).

Lunedì la Figc si esprimerà ed effettuerà anche la graduatoria per i ripescaggi delle squadre don Serie B.

Di cosa si occupa la Covisoc

La Commissione di Vigilanza sulle Società di Calcio Professionistiche, nota con l’acronimo Covisoc è un organo interno alla Federazione Italiana Giuoco Calcio.

Istituita dall’art. 78 delle Norme Organizzative Interne Federali (NOIF) della FIGC, la commissione è preposta al monitoraggio della situazione economico-finanziaria delle società calcistiche, ai sensi della legge n. 91/1981, ed ha poteri consultivi, di controllo e di proposta.

È formata da un presidente e da quattro componenti nominati a maggioranza qualificata dal Consiglio Federale, in possesso dei requisiti di cui all’art. 36, comma 3 dello Statuto federale.

Il mandato dei componenti della Co.Vi.So.C. ha durata quadriennale ed è rinnovabile per non più di due volte.