Avellino, battere il Novara per avvicinare la salvezza

0
Avellino, Novara, Serie B

Avellino, al Partenio arriva il Novara: dopo quattro turni consecutivi senza i tre punti, ai Lupi non resta che vincere contro uno degli avversari alla portata, ma comunque insidioso

Continua la missione salvezza per l’Avellino. Quattro turni senza vittorie hanno rallentato la marcia verso i celeberrimi 50 punti che mediamente garantiscono la salvezza aritmetica. Il prossimo ostacolo su questo cammino è il Novara, che giunge al Partenio in una posizione di classifica non proprio invidiabile.

CASA – È vero che la vittoria non arriva da ben quattro giornate, ma un fattore che può fare la differenza è senz’altro quello del campo amico. Al “Partenio-Lombardi” l’Avellino è reduce da cinque risultati utili consecutivi, anche se l’unica vittoria è il 2-1 riportato sulla Ternana.

TRASFERTAOspiti in ripresa in virtù di due risultati utili consecutivi, ovvero il 3-1 sul Cittadella al “Tombolato” ed un pari intero con lo Spezia, venendo dunque fuori dalle due gare perse con Parma ed Ascoli. Tuttavia, lascia ben sperare per i tifosi avellinesi il fatto che il rendimento esterno dei piemontesi sia piuttosto discontinuo: dall’inizio di stagione sei risultati utili consecutivi lontano dal “Silvio Piola”, poi tre sconfitte consecutive ed infine il colpo gobbo in quel di Cittadella.

LA STORIA SI RIPETE? – Buone speranze le lascia anche l’amarcord, con il Novara che ha lasciato l’Irpinia da vincitore in una sola occasione su sette, una sola vittoria che risale al lontano 74/75 quando la squadra piemontese si impose di misura.

TABÙUna vittoria sarebbe propizia anche a mister Novellino, che magari se ne infischia delle statistiche personali, però sfaterebbe un tabù che non lo vede mai vincente nei confronti con il tecnico del Novara, Domenico, meglio noto come Mimmo, Di Carlo. Sono infatti cinque i trascorsi tra Novellino e Di Carlo, con quest’ultimo che ha riportato tre vittorie e due pari.

OCCHIO – Un consiglio spassionato alla retroguardia dell’Avellino: l‘imperativo è tenere più di un occhio di riguardo su George Puscas, attaccante del Novara, arrivato nel mercato di gennaio, e già autore di cinque gol in sole tre presenze. Lui, dunque, è lo spauracchio principale per l’Avellino.

ARBITRODirige l’incontro il signor Ivano Pezzuto della sezione di Lecce. Pezzuto, che di mestiere fa il bancario, ha già diretto l’Avellino per dieci volte nella sua carriera: in dieci precedenti una sola sconfitta per 0-1 col Frosinone, risalente alla scorsa stagione, mentre quest’anno il pugliese ha diretto i Lupi nell’ 1-1 casalingo con il Venezia. Score simile anche con il Novara, con quattro vittorie ed una sola sconfitta, anch’essa risalente alla scorsa stagione, in occasione del 2-0 patito in quel di Ferrara contro la SPAL.

Avellino, Pezzuto, Arbitro
Ivano Pezzuto, 34enne arbitro originario di Lecce. La Lega B lo ha designato come direttore di gioco nella gara tra Avellino e Novara

Non sono ammessi ulteriori passi falsi, altrimenti la missione salvezza rischia di diventare più complicata di quanto non sia già. E chissà che magari il rientro di qualche giocatore e l’esordio di Cabezas, rientrato in gruppo, non possano dare il proprio apporto alla causa.