venerdì - 4 Dicembre 2020

Coronavirus, altri 141 nuovi casi in Provincia. Ecco dove

Sale ancora il numero dei casi di positività al Coronavirus in Provincia di Avellino, come comunica l'Asl di Avellino oggi sono 141 i nuovi...
More

    Avellino-Rocchetta, la riapertura dell’intera tratta sarà raccontata in un documentario

    Ultime Notizie

    Coronavirus, altri 141 nuovi casi in Provincia. Ecco dove

    Sale ancora il numero dei casi di positività al Coronavirus in Provincia di Avellino, come comunica l'Asl di Avellino oggi sono 141 i nuovi...

    Cisl Irpinia-Sannio, Casa di Cura Malzoni verso lo sciopero

    CISL FP IrpiniaSannio - Casa di Cura “Malzoni”: subito il CCNL o sarà sciopero! Tutto dopo l'incontro avvenuto con i sindacati il 19 novembre  La...

    Fiume Sarno, scoperti 26 scarichi abusivi e 48 persone denunciate

    FIUME SARNO: SEI MESI DI INCESSANTE ATTIVITA’ DA PARTE DEI CARABINIERI DEL COMANDO UNITÀ FORESTALI, AMBIENTALI ED AGROALIMENTARI Ormai da oltre sei mesi, e soprattutto...

    LUCA ABETE COMPIE 10 ANNI…DI SELFIE!

    One Photo One Day  è un esperimento di comunicazione fotografica nato il 1 dicembre  2010, ideato dal noto inviato di Striscia la Notizia Luca...

    Il 26 maggio, nell’ambito di “Estate in Irpinia 2018”, l’Avellino-Rocchetta sarà riaperta per intero e verrà percorsa da un treno a vapore. Ne abbiamo parlato con il regista Federico Curci, che racconterà l’evento in un documentario

    Il 26 maggio si scriverà un nuovo capitolo della lunga e spesso travagliata storia dell’Avellino-Rocchetta Sant’Antonio, storica strada ferrata che attraversa l’Irpinia. Sarà, infatti, riaperta per intero la tratta, che verrà percorsa da un treno a vapore. Quest’evento straordinario, che aprirà la IV edizione dell’iniziativa “Estate in Irpinia 2018“, promossa da Info Irpinia, sarà raccontato dal regista Federico Curci attraverso un documentario.

    - Advertisement -

    Il progetto segue il suo precedente “Prossima fermata“, breve documentario che raccontava uno dei viaggi in carrozza storica, realizzato nel 2016 lungo un tratto della ferrovia irpina.

    Per l’occasione abbiamo incontrato il regista, che è anche tra i soci di Info Irpinia.

    Cosa ti aspetti da questa importante giornata che ti appresti a documentare?

    «Non vedo l’ora di documentare la riapertura di tutta la tratta storica dell’AvellinoRocchetta Sant’Antonio. Sarà una sorta di sequel del documentario “Prossima fermata” del 2016, che parlava della riapertura di una parte della ferrovia. Ricordo che nell’ultima intervista di quel cortometraggio, il presidente di Info Irpinia Francesco Celli dichiarava: “Adesso non bisogna fermarsi, il prossimo obiettivo è la riapertura dell’intera tratta. Ci siamo quasi”. Cercherò di raccontare al meglio l’entusiasmo di tante persone che parteciperanno a questa bellissima giornata. Tra loro non mancherà uno dei protagonisti di questa battaglia: Pietro Mitrione, che non ha mai mollato, credendo in questo progetto fino alla fine. Penso che vivremo un momento di grande importanza turistica e culturale. Il vento sta cambiando in Irpinia, in positivo».

    Avellino-Rocchetta, Prossima fermata
    Federico Curci

    Si è arrivati a un traguardo importante, quello della riapertura completa della linea ferroviaria. Info Irpinia si è molto battuta in tal senso. Come hai vissuto da socio questi anni di impegno?

    «L’AvellinoRocchetta ha rischiato di essere chiusa e che venissero addirittura rimossi i binari. Questo non è successo, perché ci sono persone che hanno a cuore il territorio. C’è anche chi ritiene che questa battaglia sia stata solo il capriccio di qualcuno, forse troppo sognatore per pensare a cose serie. Queste, invece, sono le cose serie, quelle che la politica deve sostenere. In questi anni ho visto tanta passione, tanto impegno, da parte di chi senza interessi ha lottato, affinché la tratta venisse riaperta interamente. Penso allo stesso Pietro Mitrione, presidente dell’associazione In Loco Motivi, e per l’appunto all’associazione Info Irpinia. Non parliamo solo di un treno, parliamo di turismo, di cultura, parliamo della nostra storia. Abbiamo finito di sognare il treno, perché il sogno è stato realizzato».

    Avellino-rocchetta
    Foto di Stefano Paolini dal sito www.liberamenteonline.com

    L’Avellino-Rocchetta e la sua storia sono diventate simbolo di un’intera terra. Qual è per te il valore culturale di questa storica tratta?

    «Il film di Sergio Leone “C’era una volta il West” si chiude con la costruzione della ferrovia, che rappresenta nella pellicola l’arrivo della civiltà e del progresso. Penso ai territori dell’Irpinia prima della ferrovia e alla grande opportunità che hanno avuto quando la tratta è stata costruita. Immagino le tante persone che hanno viaggiato lungo quei binari: bambini, donne, padri, nonni. Il treno potrebbe raccontarci tante storie, storie di speranza, di sofferenza, storie d’amore. Il treno è uno degli elementi dell’identità territoriale dell’Irpinia e ha un valore non solo culturale, ma anche umano».

    Latest Posts

    Coronavirus, altri 141 nuovi casi in Provincia. Ecco dove

    Sale ancora il numero dei casi di positività al Coronavirus in Provincia di Avellino, come comunica l'Asl di Avellino oggi sono 141 i nuovi...

    Cisl Irpinia-Sannio, Casa di Cura Malzoni verso lo sciopero

    CISL FP IrpiniaSannio - Casa di Cura “Malzoni”: subito il CCNL o sarà sciopero! Tutto dopo l'incontro avvenuto con i sindacati il 19 novembre  La...

    Fiume Sarno, scoperti 26 scarichi abusivi e 48 persone denunciate

    FIUME SARNO: SEI MESI DI INCESSANTE ATTIVITA’ DA PARTE DEI CARABINIERI DEL COMANDO UNITÀ FORESTALI, AMBIENTALI ED AGROALIMENTARI Ormai da oltre sei mesi, e soprattutto...

    LUCA ABETE COMPIE 10 ANNI…DI SELFIE!

    One Photo One Day  è un esperimento di comunicazione fotografica nato il 1 dicembre  2010, ideato dal noto inviato di Striscia la Notizia Luca...