Avellino senza barriere architettoniche, Esposito scrive al vicesindaco Nargi



0
disabili - MID - Giovanni Esposito - coronavirus
Giovanni Esposito

Il Coordinamento Campania del Mid Movimento Italiano Disabili attraverso il Coordinatore Giovanni Esposito scrive all’assessore Vice Sindaco di Avellino Laura Nargi

Avellino – “Ill.ma Dott.ssa Laura Nargi Vice Sindaco di questa città,

a scriverle il Coordinatore Regione Campania del Mid Movimento Italiano Disabili Giovanni Esposito in rappresentanza del Coordinamento Avellino e dei diversamente abili aderenti al nostro movimento.

mi rivolgo alla sua attenzione del Signor Sindaco e all’attenzione della sua giunta rappresentando   che  sempre più frequenti e rilevanti sono le segnalazioni poste all’attenzione del nostro movimento da parte dei diversamente abili nella nostra città circa l’inaccessibilità nelle attività commerciali.

avellino
Il vicesindaco di Avellino Laura Nargi

Le attività con maggiori priorità e di pubblico interesse  sono quelle con vendita di prodotti di prima necessità quali farmacie, parafarmacie, alimentari , presidi  sanitari, abbigliamento ma anche bar pizzerie e  al dettaglio di altro genere.

Pertanto sarebbe necessario,  essendo lei persona sensibile e attenta da sempre  alle problematiche dei diversamente abili nella nostra città, un  suo intervento nell’adottare attraverso il suo assessorato di competenza con il supporto e la collaborazione anche del settore lavori pubblici del Comune di Avellino iniziative, misure e ordinanze volte a migliorare la mobilità nel settore del Commercio cittadino,  invogliando e sensibilizzando  i commercianti a predisporre l’abbattimento delle barriere architettoniche utile e necessario a consentire  l’accesso alle attività commerciali  mediante predisposizione e istallazione  di pedane a norma di legge dinanzi  ai punti vendita favorendo cosi una giusta produttività sia  in termini di vendite favorendo il tessuto commerciale della città già in difficoltà e in crisi  economica ad Avellino soprattutto in questo periodo emergenziale e garantendo l’accessibilità a tutti.

Tale intervento renderebbe di maggior prestigio il suo operato in qualità di Assessore dimostrando ulteriori competenze e sarebbe da parte sua un forte segnale di vicinanza e di crescita culturale e sociale in  favore delle fasce deboli

Certo che la nostra richiesta trovi da parte sua accoglienza ma soprattutto disponibilità a intervenire con azioni concrete le porgo distinti saluti”.

CONTINUA SU AVELLINO ZON

Leggi anche