Avellino, tête à tête Taccone-Gubitosa: il punto

0
Gubitosa, Avellino, Taccone

Tutto o niente: su queste basi si gioca il futuro dell’Avellino, oggetto di discussione della trattativa tra Taccone e Gubitosa, con il terzo incomodo Ferullo

Invocato a gran voce dal popolo di fede biancoverde, ecco l’arrivo dell’interesse di Michele Gubitosa per l’Avellino, sempre più oggetto estraneo nelle mani di Walter Taccone. Un lungo tira e molla che non ha visto ancora un esito definitivo, ma uno quasi certo.

PIANO GUBITOSA – Come vuole entrare in società Gubitosa? Non ci sono altre vie d’uscita: l’unico modo in cui Michele Gubitosa potrebbe e vorrebbe entrare a capo dell’US Avellino è con il 100% delle quote messe in tasca. O tutto o niente, insomma, per quella che, parola dello stesso Gubitosa, è un’offerta non trattabile.

Gubitosa, Avellino
Michele Gubitosa, potenziale acquirente dell’Avellino, protagonista di intenso tira e molla con il presidente “uscente” Walter Taccone

RISPOSTA TACCONE – In un primo momento, Taccone non dà neanche la minima speranza alla realizzazione del piano di Gubitosa, con il Tac che vorrebbe conservare quantomeno il 10% delle azioni societarie. Il primo incontro si chiude con un nulla di fatto. Poco dopo, qualcosa cambia e Walter Taccone, attuale numero uno dell’Avellino, chiama richiama aprendo così ad una cessione completa, una decisione presa soltanto per il bene dell’Avellino.

IL PROBLEMAQuale intoppo impedisce ai due di chiudere per il bene di una società turbata non solo dai fatti di campo ma anche da quelli extracalcistici? I soldi, scontato. Gubitosa, a conoscenza dei debiti a carico dell’Avellino, vorrebbe ulteriori garanzie, per evitare così lo spuntare di eventuali sorpresine a giochi fatti. Taccone da questo punto di vista non ci sente e propone comunque una controproposta che aspetta una risposta entro i prossimi giorni. Il tutto si traduce in queste cifre, rivelate dallo stesso Gubitosa: 10 milioni 123 mila euro i debiti, 14 milioni quelli per portare Avellino a concludere questa stagione.

FERULLOIn tutto questo bailamme, che ruolo ha Ferullo, da poco entrato in società? Al momento gioca un po’ da terzo incomodo. Difatti, il romano si è presentato da Gubitosa vantando un accordo con Taccone per l’acquisizione del 70% della società. Sa tanto di comico, eppure Gubitosa non credendogli lo mette alla porta, mostrando così personalità e determinazione nel raggiungere il suo obiettivo: diventare proprietario di un Avellino, che da qui a poco subirà senza dubbio un forte scossone, forse in positivo, forse in negativo.

Alea tracta est, ergo il dado è tratto, avrebbe detto Cesare. Ora non resta che capire chi bacerà la dea bendata.