Avellino, torrente Fenestrelle il progetto su "italiasicura"



0

Il progetto del torrente Fenestrelle segnalato sul sito del Governo “italiasicura.governo.it”

Il progetto di sistemazione idraulica e ambientale del torrente Fenestrelle è tra quelli segnalati dal sito istituzionale del Governo italiasicura.governo.it. Il sito di palazzo Chigi fornisce informazioni su cantieri, opere, iniziative per la difesa dell’ambiente e la riqualificazione e divulga informazioni relative al programma di messa in sicurezza del paese.

La scelta di aver inserito anche l’intervento del Fenestrelle è un riconoscimento significativo per l’Amministrazione di Piazza del Popolo. Come è noto che il progetto sul torrente ha una spesa di 9 milioni e 800mila euro, fondi finanziati dalla Regione Campania. I lavori vengono eseguiti nel rispetto dei pareri di Soprintendenza e Genio Civile, e della valorizzazione ambientale del territorio. A seguirli l’ingegnere Luigi Cicalese, dirigente dei Lavori Pubblici che sta monitorando attentamente l’iter degli interventi.

Ingegnere Luigi Cicalese che dirigerà i lavori
Ingegnere Luigi Cicalese che dirigerà i lavori

«Si tratta di un progetto impegnativo, che si sta realizzando esclusivamente con tecnici interni – spiega il dirigente Luigi Cicaleseche prevede la pulizia degli argini e del fondo, la sistemazione delle sponde e  l’allargamento della sezione idraulica fino al Parco Manganelli, nonché la sistemazione del tratto di confluenza con il torrente S. Francesco. Visionabile anche sul sito del governo, i lavori stanno proseguendo nonostante si siano rese necessarie alcune variazioni legate allo stato dei luoghi di alcune zone attraversate dal torrente Fenestrelle.  Sono certo – prosegue l’ing. Cicalese – che una volta terminati i lavori la città saprà apprezzarne il valore e sicuramente saranno risolti tutti quei casi di esondazioni che puntualmente si registrano a seguito di piogge abbondanti. L’impegno del mio settore resta quello di rispettare i tempi di realizzazione dell’opera, anch’essa prevista per la fine del 2015».

Leggi anche