Avellino.zon in un incontro ravvicinato con Donatella De Bartolomeis

0
Donatella De Bartolomeis,

Avellino.zon ha incontrato Donatella De  Bartolomeis, l’imprenditrice irpina che ha ideato la prima fiera del libro itinerante

Ad aprile, Donatella De Bartolomeis, editore de il Papavero, ha annunciato che per il 2018 la Fiera del libro, Made in Irpinia, sarebbe diventata itinerante, toccando le più belle realtà italiane.

“I poeti non possono rimanere chiusi nelle loro torri d’avorio, è necessario scendere tra la gente, nelle scuole, nei bar, nelle piazze”.

Detto-fatto. Il 26 Aprile inaugura l’ambizioso percorso Fieristico nelle affascinanti cantine di Fagnano, a Siena e di lì toccherà Roma, Bergamo, Milano, Taranto e finanche, grazie all’ausilio delle nuove tecnologie, l’Argentina, il Messico e la Svizzera. Ciò che sorprende è la sua voglia di scendere in campo, la sua tenacia, il suo voler tenere sempre e comunque il polso della situazione. Nella foto è ritratta tra i bambini di Teora, seduta per terra, con loro e per loro. “Sai, ho mangiato a mensa con loro”, mi ha raccontato dice felice e incredula. E io ormai non resto più basita davanti al suo modo speciale di essere.

 

Per fine giugno è prevista la pubblicazione di un libro, consultabile anche sul sito di Irpinia News, che racconterà di questa fantastica avventura e dei luoghi e personaggi che vi hanno preso parte. Qualcuno potrebbe pensare che è stato un tour dei suoi autori, nulla di più sbagliato.

La cultura non può essere rinchiusa in un marchio” sottolinea spesso l’imprenditrice,  che coinvolge nel suo fantastico viaggio autori di altre case editrici anche nazionali. Ma di sicuro ha portato alla ribalta la nostra Irpinia, le nostre ricchezze e le nostre eccellenze.

LA STORIA DELLA FIERA

La Fiera del Libro della De Bartolomeis nasce nel 2010; ogni anno vede circa 6000 presenze da tutta Italia e anche dall’estero e ospiti di grande spessore come il prof. Aldo Masullo e altri che potrete scoprire a fine articolo. E attraverso l’ass.ne culturale il Volo del Falco, presidente Enzo Martino, ho avuto la possibilità di affiancarla in Fiera nel 2017 e nel 2018 e assistere ai continui apparenti cambiamenti di rotta. “Non sono pazza Margherita, questa è l’arte del WuWei, un giorno capirai, è la consapevolezza del quando agire e quando non agire, è seguire il vento, fiutare i tempi.” E io l’ho seguita e provo a presentarvela.

LA DONNA E L’IMPRENDITRICE

“Se cambi sei solo, se vinci eccoli tutti” cita un articolo di Alberoni pubblicato nell’86 sul Corriere della sera. Un articolo che Donatella De Bartolomeis porta sempre con se, piegato, sgualcito, a tratti illeggibile. Me lo mostra con malinconia, ma con una luce sempre viva negli occhi.

“Segui sempre i tuoi sogni, non permettere a nessuno di dirti che non potrai farcela. Non importa se saranno pronti a scommettere sul tuo fallimento, se ti daranno della fuori di testa, ciò che conta è quanto ci creda tu.” Mi dice “E quando vincerai, perché vincerai, gli altri torneranno e reinventeranno la realtà. La vita è la tua Margherita, segui sempre i tuoi sogni, non arrenderti.”

E mentre lei parla comprendo che nell’ottobre del 2010 questo stesso discorso deve averlo fatto a se stessa, ci deve aver pensato il giorno in cui ha lasciato il suo bel posto fisso a tempo indeterminato, nel momento in cui ha voluto aprire un’azienda facendo vera editoria senza il sostegno di nessuno.

Margherita, non pensare ai soldi” mi risponde Donatella De Bartolomeis quando le chiedo come ha fatto ad aprire un’attività senza soldi. “Se non hai i soldi inizia a piccoli passi, costruisciti gradualmente, ciò che conta, Margherita, sono le idee, è la visione. È la capacità di anticipare i tempi e di non cedere a compromessi, è l’onestà morale e intellettuale. Osa, mettiti in gioco, sempre.”

E così questa piccola donna dal cuore vuoto e gli occhi luminosi nel giro di pochi anni ha fatto conoscere l’Irpinia, le sue terre, i suoi personaggi, ovunque e ovunque, anche sui canali nazionali, si parla dei suoi libri, libri selezionati a uno a uno, libri che ha letto, di cui si è innamorata e che ama condividere con gli altri. Noi restiamo in attesa, certi che ci stupirà ancora.

ALBO D’ORO IN FIERA

Aldo Masullo –filosofo, Sergio Zavoli –giornalista, Nino Daniele – filosofo e politico, Irene Pivetti –politico, Alessandro D’Acquisto – fratello di Salvo, Rosaria Troisi – sorella di Massimo, Renato Scarpa –attore, Gianni Mauro –paroliere, Corrado Taranto –attore, Cesare Gridelli –oncologo, Paolo Barrale –chef, Lorenzo Amurri–scrittore, Alessio Puleo–scrittore, Milka Contreras – pittrice (Messico), Giancristiano Desiderio – filosofo, Michele Rea – fratello di Melania, Annella Prisco – scrittrice figlia del candidato al Nobel Michele Prisco, Giuseppina Bonaviri – figlia del candidato al Nobel Giuseppe Bonaviri, Antonio Pascotto– giornalista, Rossella Alimenti – caporedattore RAI – Lazio, Stefano Mariani – giornalista RAI – Lazio.

Paolo Zefferi – giornalista RAI NEWS 24, Vincenzo Parente – corno della filarmonica di Roma, Mario Aversano – dantista, Arturo Mariani – titolare della Nazionale Italiana Amputati del CSI, partecipando ai campionati mondiali del 2014, in Messico, Evelina Marinelli – sindonologa, Pino Imperatore– scrittore. Per la musica, Bruno Venturini, Tommy Lee, Claudio e Diana, Notturno Concertante, Giuseppe Relmi.