Questo pomeriggio presso l’auditorium Acca Software a Bagnoli Irpino è iniziata la quattro giorni di workshop tematici per “Riattivare l’Altopiano del Laceno”

Architetti, ingegneri ed amanti della natura, uniti in un unico obiettivo a Bagnoli Irpino: quello di riattivare l’altopiano del Laceno e lo faranno a partire da oggi per quattro giorni di workshop.

Oggi si è dato il la a questa tre giorni presso l’auditorium Acca Software in cui si è discusso sulle varie visioni del futuro di Laceno e delle aree interne, tutto con la collaborazione del Dipartimento di Architettura della Federico II di Napoli.

A moderare la professoressa Adelina Picone del Diarc Unina, che ha presentato gli ospiti: Guido Cianciulli, Acca Software, Dimitri Dello Buono, capo di gabinetto Presidenza del Consiglio regionale della Campania, Teresa Anna Di Capua, sindaco di Bagnoli Irpino, Giuseppe Bruno, presidente Confindustria Avellino, Erminio Petecca, presidente Ordine degli Architetti di Avellino.

Tutti, a cominciare dal patron di Acca Software Cianciulli, hanno messo al centro il territorio, mostrando come potrebbe cambiare l’Altopiano e quindi tutto il territorio delle Aree Interne.

bagnoli irpino
Il presidente di Confindustria Avellino Giuseppe Bruno

“Il Laceno è e resta uno degli obiettivi principali all’interno della strategia di sviluppo e di rigenerazione di tutto il territorio irpino. Questo seminario di studi rappresenta l’occasione di sviluppo del nostro territorio montano, mettendo insieme istituzioni e professionisti qualificati, tutti con un unico obiettivo: lo sviluppo delle aree interne. Guardando l’Altopiano del Laceno, la natura con il suo paesaggio, l’architettura è in grado oggi di fornirci rilevanti indicazioni sulla conoscenza del nostro sistema”, ha affermato il sindaco del Comune di Bagnoli Irpino Di Capua.

Non è mancato un riferimento agli impianti di risalita del Laceno.

“L’attenzione – continua Di Capua – non può soffermarsi sull’unica stazione sciistica presente in Campania. In previsione dei fondi per l’ammodernamento degli impianti, il comune ha approvato il progetto per migliorare l’offerta turistica e questo è prioritario per il rilancio. Questa mattina è uscito l’avviso di indizione della conferenza di servizi decisoria, una conferenza che sarà svolta in forma semplificata al fine di facilitare e stringere significativamente i tempi per acquisire tutti i pareri, tutti i nulla osta e tutti gli assensi che sono comunque richiesti e dovuti dalle amministrazioni pubbliche”.bagnoli irpino

Era presente anche Ciriaco De Mita, sindaco di Nusco e presidente del Progetto Pilota Città dell’Alta Irpinia, che ha affermato: “Dovendo lavorare su un pezzo di territorio, noi siamo riusciti con il Progetto Pilota ad avere risorse per 20 milioni di euro ed i progetti di cui parliamo, richiedono qualche cifra in più. Io non ho l’ossessione della cifra in contemporanea, io ho l’ossessione delle cose che si stanno costruendo e l’idea che si parta dalla seggiovia ne sono convinto di questo; perché la seggiovia è una forma di attrazione per il resto e tutti i comuni intorno, ognuno dei quali voleva il finanziamento per una cosa sua, li abbiamo convinti che non è la seggiovia, ma tutta l’area da Montella a Calabritto, che sono un pezzo di quella che diventerà azienda forestale moderna. Un incrocio di iniziative, per cui i suggerimenti di oggi sono per tutto il territorio”.

Il programma completo

Leggi anche: Bonavitacola: “Le seggiovie sono una priorità e teniamo molto al progetto”