Bisaccia, rientra dalla Cina senza nessun controllo



0

Bisaccia, senza essere sottoposto a nessun controllo sanitario rientra. Il sindaco di Bisaccia, Arminio, sapendo del suo imminente rientro, ha richiesto l’intervento del 118 ed ha provveduto ad allontanare dalla loro casa la figlia di 9 anni e la moglie

Questa è la storia di un commerciante cinese di circa 40 anni, residente a Bisaccia da circa 3 anni. Dove con la moglie gestiscono un’attività e proprio per motivi di lavoro, l’uomo lo scorso 27 gennaio, due giorni prima del blocco dei voli è tornato in una città della Cina. A circa 700 km da Wuhan, la città dove si è scatenato il contagio del Coronavirus. 

L‘uomo ieri è rientrato sulla rotta Cina-Parigi, Duesseldorf e poi Napoli. Tutto liscio come l’olio senza alcun controllo, come afferma l’emittente televisiva Irpinia Tv.

A provvedere il possibile pericolo, per l’uomo e la comunità di Bisaccia, ci ha pensato il sindaco Marcello Arminio.

Il quale avendo saputo del rientro dell’uomo, ha provveduto prima ad allontanare la famiglia dalla loro casa, ha fatto ospitare la bambina di 9 anni ad una famiglia del comune e sistemato la moglie in un albergo. Così quando l’uomo sarebbe rientrato non avrebbe avuto alcun contatto con loro.

Poi all’arrivo dell’uomo, il sindaco ha contattato e fatto arrivare il 118 locale, i sanitari hanno attuato tutte le procedure previste proteggendosi con mascherine e protezioni. Subito dopo lo hanno fatto salire sull’ambulanza e lo hanno trasportato all’ospedale Moscati di Avellino. 

L’uomo è stato messo in isolamento nel reparto di malattie infettive ed è stato visitato dai medici. I quali non hanno riscontrato nessun sintomo riconducibile al Coronavirus. Dopo qualche ora, dai controlli, la decisione di dimetterlo, però con una precisa prescrizione medica.

L’uomo dovrà trascorrere i prossimi 15 giorni in isolamento evitando i contatti con l’esterno e rimanendo chiuso in casa sua.

Il sindaco di Bisaccia, Arminio, sta cercando di rimediare usando il buon senso, dando tutto il suo appoggio con alimenti e altri beni necessari che potrebbero servire all’uomo durante la quarantena. Ma ritiene questo isolamento nella propria residenza poco gestibile e quasi lasciato a sé, se non vi fosse una piena collaborazione locale.

A Bisaccia, Coronavirus all’italiana su come gestire un’emergenza mondiale

Di seguito il comunicato dell’Azienda Ospedaliera che lo ha sottoposto ai controlli medico sanitari,ed ha disposto le dimissioni dell’uomo.

A seguito di segnalazione della Direzione dell’ Ospedale  Moscati, relativamente ad un cittadino cinese residente a Bisaccia e rientrato da un viaggio nella Repubblica Cinese, l’Asl di Avellino ha provveduto ad allertata l’ U.O. Prevenzione Collettiva in via esclusivamente precauzionale.

Al momento il soggetto, apiretico e senza sintomi respiratori, è stato istruito sulle misure di prevenzione da adottare a scopo cautelare ed è in isolamento fiduciario presso il proprio domicilio. L’Azienda Sanitaria Locale ha interessato anche il medico di famiglia che collabora con la sorveglianza sanitaria attivata per il paziente.

Leggi anche