Ieri in vista di un incontro di campagna elettorale a favore del Partito Democratico per le elezioni europee il vice presidente della Regione Campania Bonavitacola ha parlato anche delle seggiovie del Laceno

A Montella Carlo Iannace, consigliere regionale della Campania e Fulvio Bonavitacola, neo cittadino onorario proprio di Montella e vice presidente della Regione Campania, hanno invitato a votare Partito Democratico, ma si è parlato anche di seggiovie del Laceno.

Non è mancato quindi, un messaggio per quanto riguarda il futuro delle aree interne in termini di turismo, con l’approvazione ieri del progetto per il rifacimento delle seggiovie del Laceno.

“Sono in costante contatto con il sindaco di Bagnoli – ha affermato il vice presidente Bonavitacola – perché la valorizzazione del Lago e della stazione sciistica invernale sono due obiettivi prioritari e che sono coerenti con il rilancio di questo territorio. Pensiamo al ripristino della Ferrovia Avellino-Rocchetta in chiave turistica, ogni stazione deve avere un’attrattiva ed ogni attrattiva deve parlare ad un’utenza”.

bonavitacola
Fulvio Bonavitacola

Ed ha continuato: “Bagnoli può giocare questa carta, non soltanto come stazione invernale, ma anche valorizzando il Lago come oasi naturalistica per l’attrattività di una domanda turistica di qualità”.

“Non appena riceveremo la delibera del Consiglio comunale e gli atti tecnici, – ha affermato il vice governatore – potremo partire con le procedure di finanziamento. Si tratta di un finanziamento impegnativo, ma naturalmente su questo vedremo di fare ogni sforzo perché a questo progetto teniamo molto”.

Molte le persone accorse all’evento e le parole di Bonavitacola sono state: “Siamo qui con il consigliere Iannace per chiedere il voto al Partito Democratico e a Franco Roberti. Credo che noi dobbiamo avvertire in modo particolare l’importanza di questo voto perché si stanno agitando in europa forze che sono nemiche del sud, nemiche dell’Italia”.

E poi in conclusione un messaggio a chi cerca di sminuire questa unione degli stati europei: “Strano che componenti italiane come la Lega vadano a braccetto, come in piazza Duomo a Milano, con le forze della destra più rozza, che vuol far tornare l’Europa indietro di trent’anni ai tempi delle piccole nazioni in lotta tra di loro”.