Arrestato boss della camorra irpina-nolana Michele Sangermano



0
boss

Il  boss  della camorra irpina-nolana, Michele Sangermano, 39 anni, già noto alle forze dell’ordine, è stato catturato.

Nell’area del Vallo di Lauro e del baianese uno dei clan più potenti e che ha sviluppato un grande potere anche  su varie zone dell’area nolana è quello dei Sangermano ” poiché dopo la fine del clan Russo nell’agro nolano e dopo i duri colpi inferti ai clan dei Cava e di Graziano nel territorio della  bassa Irpinia si è venuto a creare un vuoto di potere.

L’uomo di 39 anni, di San Paolo Belsito è stato catturato dai carabinieri di Castello di Cisterna in collaborazione con i colleghi di Nola, al momento della cattura, il nuovo boss era  in compagnia di un uomo di 48 anni, il quale è stato denunciato.

Sangermano e il quarantottenne sono stati fermati da un posto di blocco dei militari, mentre con la loro autovettura percorrevano la strada provinciale per Lauro.

Il boss è stato trovato con un’ingente somma di denaro, di cui non sapeva spiegare la provenienza, questo è stato sufficiente per far scattare la perquisizione domiciliare.boss

In un deposito di proprietà, nel fondo agricolo antistante, sono stati rinvenuti all’interno di una macchina, una pistola semiautomatica di calibro 6,35 con matricola abrasa, colpo in canna e ben 4 cartucce caricate, oltre a queste, anche 30 cartucce di calibro 12 caricate a pallettoni.

Prontamente sequestrate le armi,Michele Sangermano,è stato ammanettato e condotto al carcere di Poggioreale dove è stato recluso. Dovrà rispondere di detenzione illegali  di armi da fuoco  e munizioni.

Secondo l’antimafia la famiglia Sangermano, avrebbe legami con il clan Cava di Quindici.

 

Leggi anche