Bucaro: «Sento di appartenere a questa terra, vincere sarebbe bellissimo»

Bucaro

«Ora bisogna vincere la guerra, dopo aver vinto tante battaglie. Sia noi che il Lanusei meritiamo la Serie C per il campionato disputato» così mister Bucaro

La Calcio Avellino SSD ha disputato ieri mattina l’ultimo allenamento al «Partenio-Lombardi». Al termine della seduta, mister Giovanni Bucaro ha tenuto la consueta conferenza pre-gara. Nel pomeriggio la squadra ha lasciato Avellino e si è spostata in pre-ritiro nel Lazio.

«Arriviamo a questo match dopo un girone di ritorno importante, ora bisogna vincere la guerra dopo aver vinto tante battaglie – ha esordito Bucaro – Sia noi che il Lanusei meritiamo la Serie C per il campionato disputato, 83 punti sono davvero tanti. Sarà una gara che sfugge ad ogni previsione tecnico-tattica, vincerà chi saprà soffrire di più».

Sullo stato di forma delle due contendenti: «Sinceramente credo che siamo alla pari, il Lanusei può contare su tanti elementi che giocano insieme da anni e che sono abituati alla categoria. Il blasone? Lo abbiamo noi, ma quello non scende in campo. Sarà fondamentale l’aspetto mentale».Bucaro

Intanto, sono stati polverizzati i 4.000 biglietti messi in vendita dalla LND per i tifosi biancoverdi: «Avere una cornice di pubblico come quella che si prevede a Rieti sarà bellissimo e ci fa tanto piacere, ma dobbiamo essere bravi a non farci prendere dall’entusiasmo, perché non vorrei che passasse il messaggio pericoloso che abbiamo già vinto. Serve innanzitutto tanta umiltà, e poi si parte alla pari, come ha dimostrato il campionato.

Gli scontri diretti sono azzerati – ha concluso mister Bucaro – la forza dimostrata dal Lanusei nei minuti finali è emblematica di una squadra forte e coesa, dobbiamo stare almeno novanta minuti sul pezzo. Per lo spettacolo sugli spalti che si prospetta, sarà una partita che non c’entra niente con la Serie D. Io sento un sentimento di appartenenza a questa terra, vincere sarebbe bellissimo».

Letture Consigliate