Connect with us

Cronaca

Calabritto, simula una rapina per recuperare denaro perso al gioco

Redazione Avellino.Zon

Published

on

Calabritto

I Carabinieri di Calabritto hanno denunciato il titolare di un bar che si era finto vittima di una rapina per recuperare l’incasso del locale perso al gioco

[ads1]

Calabritto – Articolata attività di indagine dei Carabinieri della Compagnia di Montella che in pochi giorni hanno scoperto la messinscena di un giovane il quale, per recuperare il denaro perso al gioco, aveva pensato di fingersi vittima di una rapina.

Il giovane, titolare di un bar di Calabritto, aveva nottetempo richiesto l’intervento di una pattuglia, denunciando di essere stato rapinato: bloccato da due persone a viso coperto ed armate di pistola, lo avevano costretto a consegnare l’incasso ed il denaro contenuto in cinque slot machine. Bottino della rapina circa 1500 euro.

I Carabinieri della locale Stazione, raccolta la denuncia, hanno avviato tempestivamente le indagini al fine di dare un volto ai responsabili di quell’efferato gesto e contestualmente fornire risposta alla accorata richiesta di giustizia che avevano raccolto.

CalabrittoTuttavia, nello sviluppo dell’attività sono emersi alcuni elementi sufficienti ad instillare nella loro matura esperienza investigativa il germe del dubbio circa la veridicità di quanto denunciato. Le indagini, poste in essere dai Carabinieri di Calabritto, si sono dirette pertanto su due piste parallele, una sempre tendente a ricercare il malvivente, mentre l’altra a quel punto orientata ad accertare la fondatezza dei fatti denunciati. I militari, grazie ad attività tecniche ed accertamenti telematici effettuati in stretta collaborazione con la società che gestisce i dati delle giocate alle slot machine, sono riusciti a scoprire la verità: l’esercente aveva tentato la fortuna giocandosi l’incasso del locale con cui avrebbe dovuto pagare alcuni fornitori. Per recuperare il denaro perso, circa 600 euro, aveva aperto le slot-machine appropriandosi illegalmente di circa 1.000 euro di proprietà della ditta che aveva installato i video poker nel suo esercizio commerciale.

L’esercente, messo quindi di fronte alle incongruenze emerse nel corso delle indagini (oltre a contraddirsi più volte sulla versione dei fatti, aveva fornito anche dei dati contrastanti con il traffico delle effettive giocate), ammettendo le proprie responsabilità e confessando di avere simulato la rapina, si è prodigato anche per far ritrovare parte del bottino che veniva restituito al legittimo proprietario.

Per il giovane è scattata, dunque, la denuncia in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino in quanto ritenuto responsabile dei reati di “appropriazione indebita” e “simulazione di reato”.

Diverse sono le denunce di furto di danaro contante dalle slot-machine installate presso gli esercizi commerciali. I Carabinieri del Comando Provinciale monitorano con attenzione tale fenomeno, sia per individuare i responsabili di tali sgradevoli reati predatori che per scongiurare eventuali “simulazioni”: anche in passato è stato smascherato qualche gestore che, al fine di appropriarsi indebitamente di somme di denaro in danno delle Società proprietarie delle macchine installate nei loro locali, aveva simulato il reato.

[ads2]

Avellino Zon - L'Irpinia a chiare lettere Un giornale che nasce dalla voglia di raccontare questa provincia con occhi diversi, utilizzando tutti i mezzi a propria disposizione. Cosa importante le idee.

Continue Reading
Advertisement
Advertisement

Facebook

ZON.it è una testata giornalistica on-line. Registrazione del Tribunale di Salerno n° 15/2015 del 21 dicembre 2015 Associazione Culturale Zerottonove - Via G. Nicotera, 36 - 84081 BARONISSI (SA) - CF. 95139060651 – P.I. 05386660657 www.zon.it - contatti@zon.it