Così da Bagnoli Irpino il candidato presidente della Regione Campania Stefano Caldoro lancia un messaggio per le aree interne agli avversari

Bagnoli Irpino – Stefano Caldoro continua il suo tour di campagna elettorale in Alta Irpinia ed è doveroso aprire un discorso avviato nel lontano 2012, quando era lui il presidente della Regione Campania, per quanto riguarda il finanziamento delle Seggiovie del Laceno, ma anche sulla Strategia Aree Interne, quando la giunta Caldoro mise in campo la famosa quello che oggi è il Progetto Pilota.

Con Caldoro nella piazza di Bagnoli Irpino i due candidati altirpini Carmine De Angelis, sindaco di Chiusano San Domenico e Maria Vivolo, capogruppo di opposizione al Comune di Bagnoli Irpino.Stefano Caldoro

Proprio Vivolo, già candidata con Stefano Caldoro in passato, ha introdotto gli ospiti e dopo una breve introduzione ha poi passato la parola a De Angelis. Il sindaco di Chiusano ha subito ricordato che “i consiglieri della Giunta De Luca si sono fatti vedere poco e le problematiche sono rimaste tali, a Bagnoli il problema seggiovie resta. Sono stati fatti molti show e pochi fatti, molta clientela. Nulla è stato fatto, anche il Progetto Pilota si è arenato”.

Poi il commento all’operato di De Luca: “Non si può giudicare l’operato, guardando solo i quattro mesi di pandemia”. Dopo De Luca non è mancata la stoccata a Ciriaco De Mita, suo omologo a Nusco.

“Con De Luca un vecchio attempato che costruisce la fortuna di qualche nipote”. Infine, si è rivolto alla comunità: “Quello che serve sono: serietà, competenza, metodo”.

La parola è passato al candidato presidente del Centro Destra unito Stefano Caldoro che ha subito ringraziato i presenti e ricordando che già nel 2018 alle amministrative aveva fatto visita a Bagnoli Irpino per sostenere la candidata sindaco Maria Vivolo.

Ha ricordato anche che quando può viene in Irpinia e ci è sempre venuto, soprattutto da presidente, ma non solo: “Nella mia amministrazione tutti i comuni dell’Irpinia sono stati finanziati, mentre negli ultimi 5 anni meno di un terzo”.

Stefano Caldoro
Stefano Caldoro

Strategia Aree interne e seggiovie i temi toccati da Caldoro in Piazza Di Capua a Bagnoli Irpino. “Purtroppo abbiamo creato questa Strategia Aree Interne che poi è finita in mani sbagliate”, il commento.

Per quanto riguarda le Seggiovie del Laceno ha detto: “So 5 anni che dice che arriva il finanziamento, come solito imbroglia, noi dobbiamo invece fare gli investimenti, garantirli, far decidere la comunità locale, mantenerli. In quel periodo la commissione europea non dava la disponibilità a risorse per l’impiantistica privata, abbiamo risolto i problemi giuridici, poi si doveva fare, 5 anni di nulla”.

CONTINUA SU AVELLINO ZON

 

Letture Consigliate