Calitri, in duemila per Mimmo Lucano ieri sera



0

In occasione dello Sponz Fest a Calitri è stato ospite Mimmo Lucano, ex sindaco di Riace. In duemila ad assistere alle sue dichiarazioni

Ieri sera grande partecipazione a Calitri, in occasione dello Sponz Fest, per Mimmo Lucano, ex sindaco di Riace, attualmente coinvolto in inchieste giudiziarie riguardo l’accoglienza dei migranti e perciò allontanato dalla carica di primo cittadino.  “La Costituzione italiana in questo ultimo anno è stata violata, chi dimostrava di avere il pugno più duro incassava maggiore consenso elettorale ed io mi auguro che un giorno qualcuno risponda di questo male. Non voglio vendetta, ma giustizia“. Alcune delle sue dichiarazioni dinanzi a circa 2 mila persone che ascoltavano ed applaudivano .

Proprio in questi giorni il nome di Mimmo Lucano è ritornato prepotentemente alla ribalta sull’attualità nazionali, a causa delle problematiche per recarsi in visita dal madre gravemente malato. A questo proposito Lucano commenta dicendo di non cercare elemosine. Ha aggiunto anche ” chiedo giustizia per accuse mosse a mio carico che ritengo infondate”. Inoltre ha riferito che domani(oggi, venerdì 23 agosto) si sarebbe recato all’ospedale di Catanzaro per un saluto al genitore.

VINICIO CAPOSSELA GLI DEDICA IL POVERO CRISTO. APPLAUSI E CORI DAL PUBBLICO

Vinicio Capossela, ideatore e direttore artistico dello Sponz Fest di Calitri, gli ha dedicato un brano “Il povero Cristo”, accompagnato da numerosi applausi dei duemila presenti, ai quali Mimmo Lucano ha ribadito il suo monito, in particolare ai giovani, perché contribuiscano a far prevalere umanità e comprensione sull’odio.

“Ho voluto che passassero le idee con le quali è cresciuta la mia generazione, che ha la capacità di sentire l’ingiustizia di qualsiasi essere umano. Quando mi sono occupato di immigrazione non l’ho fatto per partecipare ad un bando. L’ho fatto prima di diventare sindaco. Con un ideale nel cuore. L’idea di ripartire”.

Dal pubblico si alzano alcuni cori, come “Vai Mimmo”, oppure “Odio la Lega”.

Leggi anche https://avellino.zon.it/riace-cgil-avellino/

Leggi anche