lunedì - 27 Giugno 2022
More

    Campania, allarmante la piaga del bracconaggio dal 2009 al 2020

    Ultime Notizie

    Allarmante la piaga del bracconaggio: dal 2009 al 2020 accertati in Campania 2937 illeciti alla media di 244 al mese con 18 arrestati e 2202 sequestri. Maglia nera Provincia di Napoli con 1297 illecito seguita da Salerno con 569Italia 35.500 illeciti.

    Trent’anni fa veniva approvata la legge n. 157/1992 che tutela fauna selvatica omeoterma (mammiferi e uccelli) e disciplina l’attività venatoria (bracconaggio). Una legge – l’unica fino ad ora che, sull’intero territorio nazionale, tutela in minima parte la fauna selvatica – figlia del compromesso seguito alla bruciante sconfitta referendaria del 1990 che chiedeva l’abolizione della caccia in Italia, ma che ad oggi a distanza di 30 anni risulta ormai “datata” e non più rispondente alle urgenze connesse con la crisi della biodiversità. Primo fra tutti, la normativa tutela un misero 1,1% di tutte le specie animali presenti stabilmente o temporaneamente nel nostro territorio. Parliamo di 643 specie e sottospecie (comprese le specie di mammiferi e uccelli marini) protette su un totale complessivo di 57.460 specie e sottospecie di animali selvatici noti per l’Italia. Inoltre non regolamenta le tante attività umane come agricoltura, forestazione e viabilità che hanno quotidiana relazione con la fauna selvatica omeoterma. campania - bracconaggio - legambiente - avellino

    - Advertisement -

     

    È quanto denuncia Legambiente che oggi, a trent’anni dall’approvazione della legge n. 157/1992, lancia il report dal titolo “La tutela della fauna selvatica e il bracconaggio in Italia” in cui fa un’analisi accurata sulla legge in questione e sulla sua genesi, ma anche sull’attività e la popolazione venatoria – che dal 1992, anno di approvazione della legge quadro, si è più che dimezzata passando da un milione di praticanti a circa 500.000 ma, soprattutto, è drasticamente invecchiata andando da oltre il 60% dei praticanti con meno di 40 anni di età all’attuale 9% dei praticanti nella medesima fascia età – e sulla piaga del bracconaggio.

    In Campania dal 2009 al 2020, anni a cui si riferiscono i dati analizzati da Legambiente e ricevuti dalle Forze di Polizia, sono stati riscontrati 2937 illeciti contro la fauna selvatica, con 2202 sequestri e all’arresto di 18 persone. Maglia nera per la Provincia di Napoli con 1297 illeciti, 1136 sequestri e 13 persone arrestate, segue Salerno con 569 illeciti, 352 sequestri e 1 persona arrestata; in Provincia di Caserta sono stati 535 gli illeciti con 381 sequestri e 3 arresti. Le coste pontino‐campane e le piccole isole nelle province di Latina, Caserta e Napoli, dove vengono uccisi migliaia di uccelli migratori. Esiste un prezziario orientativo dei “prodotti” di queste attività illegali: un verzellino da 25 a 50 euro, un verdone da 25 a 50 euro, un cardellino fino a 50 euro. Un piccolo passeriforme vivo, come allodole o tordi, se appena catturato va d 50 a 100 euro ciascuno, invece se già da tempo è ambientato alla cattività, quindi con minor rischio di non sopravvivere, il prezzo va da 100 fino ad alcune migliaia di euro a seconda anche delle abilità canore. L’affitto mensile in Campania di un bunker illegale con relativo stagno artificiale per sparare ai migratori da 7.500 a 15.000 euro; la modifica o la realizzazione di un’arma vietata per effettuare bracconaggio, dotata di silenziatore e puntatore laser, da 2.000 a 5.000 euro; un certificato Cites riciclato da un esemplare di rapace morto viene pagato anche 2.000 euro

    “Di fronte a questo quadro- commenta Mariateresa Imparato, presidente Legambiente Campania- ribadiamo l’urgenza di modificare, adeguandola alle urgenti crisi di oggi, la legge quadro per tutelare tutte le specie animali selvatiche, inserendo anche i delitti per gli illeciti contro gli animali selvatici nel codice penale, regolamentando la coesistenza con le tante attività umane che quotidianamente hanno relazione con la fauna selvatica;  prevedendo inoltre adeguati strumenti e risorse affinché ciò si realizzi, compreso il rafforzamento del sistema sanitario veterinario per la prevenzione di zoonosi e patologie animali che possano avere pesanti ricadute sociali.”

    L’associazione ambientalista, oltre a chiedere un aggiornamento della legge quadro, ribadisce inoltre l’importanza di1) Ripensare la pianificazione del territorio agro-silvo-pastorale per la tutela della biodiversità e di tutte le specie animali selvatiche, 2) Impedire che sia una sola categoria sociale a “guidare” le scelte di gestione della fauna selvatica omeoterma; 3) Rafforzare, in personale, strumenti e risorse, e specializzare il personale degli organi inquirenti; 4) Approntare un sistema pubblico trasparente, digitale, regolarmente alimentato accessibile a tutti di pubblicazione dei dati sulla gestione della fauna selvatica.

    CONTINUA SU AVELLINO ZON

    Latest Posts