Canalarte, cala il sipario tra grandi applausi

0

Canalarte si chiude tra applausi e forti riconoscimenti. Si conclude un’altra edizione di successo, tra arte, musica, spettacolo e gastronomia 

Cala il sipario sulla folle edizione di Canalarte, conclusasi ieri sera. Tre giorni di successo, di colori accesi, di mini tende pendenti.

Tre giorni di straordinaria bellezza con la ricca scenografia di Antonio Filarmonico: palline colorate, hula hoop colorati, mini pagliacci sorridenti. Fiocchi colorati penzolanti, palline e palle multicolor, girandole su nel cielo, svolazzanti tra il vento.

Tre sere di affluenze, grandissimi successi, con un’eccellente gastronomia (pizze fritte, carne, salsiccie, cotechino, cuoppo di pesce, mortadella arrostita, rape e patate etc etc).

Ma soprattutto tre serate d’arte, con acrobati, trampolieri, artigiani, musicisti, band musicali, giostre girovaganti a suon di musica, mangiafuoco.

Canalarte

L’arte è l’unica cosa seria al mondo. Il silenzio cala il sipario solo su ciò che non ha saputo essere spettacolo.

Canalarte

Un’edizione magica, nata dalla voglia di stupire, di colorare, di ricreare un’atmosfera sognante. Una scritta luminosa, Luna Park, all’ingresso sembra dire: “Benvenuti al Luna Park di Canalarte, un mondo magico dove non esiste cattiveria, dove il circo è fatto di persone. Dove non esistono animali per divertirsi ma ci si diverte ugualmente.

Benvenuti al Luka Park di Canalarte, dove il mondo tecnologico sta fuori e noi siamo dentro. Dove si ride, si canta e si balla. Un piccolo mondo antico fatto solo di bellezza e semplicità, di poche ma grandi cose. Non esiste nulla che non sia bellezza”.

Un grande successo dovuto a Laura Rocco, Franca Filarmonico, ai collaboratori dell’associazione Canalarte; alle persone che hanno lavorato agli stand, agli artisti di strada che hanno trasmesso la loro arte con amore e dedizione.

A chi ha realizzato la scenografia e a chi l’ha eseguita con cura estrema per i particolari. A chi ha lavorato dietro le quinte come ogni anno, esponebdosi poco e rimanendo nell’ombra.

Agli artisti che hanno realizzato i due murales, a Leonilde che ha realizzato l’abito per lo spettacolo e l’interpretazione di Ilaria Scarano. Perché un grande successo è sempre merito di una squadra unita ed affiatata.

Noi di Avellino.zon vi diamo appuntamento per seguire gli sviluppi della prossima edizione di Canalarte, con trepida attesa per il tema che verrà scelto.

Grazie mille a chi ci ha seguiti nel reportage di questo grande viaggio per le vie del borgo di Canale.

Vedi anche

https://avellino.zon.it/canalarte-la-bellezza-dellarte-e-vincenzo-la-nostra-storia/