Canalarte, la bellezza dell’arte e Vincenzo, la nostra storia



0

Due murales per raccontare la storia della nostra Terra, l’Irpinia e il nostro Serino. Questa sera a Canalarte, ultima attesa serata

Due giorni di grande successo a Canalarte. Questa sera il borgo di Canale di Serino si colora di nuove e forti emozioni, con i murales di Carlos Atoche e Giuseppe Pelosi. 

Una ricerca intimistica che si traduce in pensieri quotidiani e interrogativi travestiti da elementi figurativi.

Carlos Atoche, artista classe 1984 e protagonista di questa ventiduesima edizione di Canalarte, nato da madre argentina e padre peruviano, scopre il suo amore per l’arte nel periodo dell’infanzia.

Un’arte che incrocia la bellezza, attraverso il disegno e la street art; la sua arte si trasferisce, quindi, sui muri dove troverà superfici fertili su cui esprimere se stesso e la sua anima.

Dipingere in strada cambia totalmente la sua percezione, la connessione che si instaura tra l’arte e il luogo in cui si realizza è indissolubile così come il rapporto tra artista e passanti.

Questa volta è toccato al borgo di Canale, dove ha dipinto un’opera dal titolo Mater Irpinia. Protagonista dell’opera è la nostra amata terra. Sembra una donna affranta Irpinia, probabilmente perché ogni anno sempre più persone lasciano la propria terra per andare altrove.

Canalarte

L’artista é continuamente alla ricerca di un senso, tentando di sbalirire un rapporto tra il suo desiderio di comunicare e i destinatari del suo messaggio, con la speranza di risvegliare le coscienze.

E poi, l’artista Giuseppe Pelosi, autore di un significativo murales. È Vincenzo, il famoso gelataio di Serino venuto a mancare circa un anno fa, la cui mancanza è forte per ognuno di noi.

Un uomo umile, che ha lasciato un vuoto difficile da colmare. Il suo fischietto ad ogni ora della giornata, la sua allegria, il suo cappellino bianco ed il suo sorriso.

Una persona come poche, talmente tanto da averlo denominato L’uomo uscito dalle favole. Un grande murales non servirà a ricordarci di lui, ma a ricordarci quanto importante è stato e quanto ci sia rimasto nel cuore.

 

Canalarte

Questa sera Vincenzo sarà con noi, a Canalarte. Vive e vivrà a Canale attraverso l’arte. I passanti vedranno un volto dipinto su un muro; adesso sapranno chi è e cosa rappresenta.

Rappresenta un paese, rappresenta la nostra storia, la nostra infanzia e la bellezza di essere cresciuti insieme a quest’uomo.

Cos’è l’arte se non fermare gli istanti? Se non bloccare le persone nel nostro cuore? Se non lasciarci un messaggio da interpretare e decifrare?

Alziamo gli occhi al cielo, perdiamoci in un murales e, qualche volta, entriamo negli angoli nascosti e suggestivi della nostra anima. Canalarte è la possibilità. 

https://avellino.zon.it/canalarte-si-alza-il-sipario-questa-sera/

 

Leggi anche