martedì - 4 Agosto 2020

Torrioni senza medico di base: l’indifferenza dell’Asl e delle Istituzioni

Riceviamo e pubblichiamo la nota del comune di Torrioni sulla mancanza di un medico di base problematica che non viene ancora presa in considerazione...
More

    Canalarte, in scena una società spogliata dei preconcetti

    Ultime Notizie

    Torrioni senza medico di base: l’indifferenza dell’Asl e delle Istituzioni

    Riceviamo e pubblichiamo la nota del comune di Torrioni sulla mancanza di un medico di base problematica che non viene ancora presa in considerazione...

    Montemiletto, l’esposizione di Spiniello “La favola del re e della regina albero”

    Riprende l'esposizione del Maestro Spiniello al Castello della Leonessa di Montemiletto dal titolo "La favola del re e della regina albero" A partire da domenica...

    Nusco, domani sera Accordion Day con Carmine Ioanna e Rocco Papaleo

    Carmine Ioanna torna a suonare in Irpinia con Rocco Papaleo per la VI edizione di Accordion Day in scena presso l'Anfiteatro di Ponteromico -...

    Da Bagnoli Irpino il viaggio di Pietro in bici fino a San Giovanni Rotondo

    Da Bagnoli Irpino a San Giovanni Rotondo, domani inizia il viaggio di Pietro per rendere omaggio alla vita dopo tante peripezie e per la...

    “Sciò-scaccia via il pregiudizio” debutta alla XXI edizione di Canalarte il 13, 14, 15 luglio a Canale di Serino. La lotta contro il pregiudizio 

    Il debutto ufficiale di Sció scaccia via il pregiudizio sarà nei giorni 13-14-15 luglio al festivalC’era una volta Canalarte” giunto alla sua XXI edizione. Il tema di quest’anno scelto dall’Associazione Canalarte è “le stagioni dei sentimenti sospesi” , e Sció ha accolto l’invito di Laura Rocco (Presidente), Franca Filarmonico (Vicepresidente), e di tutta l’associazione.

    - Advertisement -

    Sció scaccia via il pregiudizio è uno spettacolo di teatro di figura e nasce da un’idea di Ilaria Scarano. Attualmente il circolo Arci Rifuoglio di Avellino e l’associazione Irpinia Altruista portano avanti il progetto per veicolare i valori della solidarietà, dell’integrazione e dell’uguaglianza sociale.

    “Mai come in questo momento – ha dichiarato l’attrice Ilaria Scarano –  sentiamo il bisogno e l’urgenza di portare in scena uno spettacolo come Sciò scaccia via il pregiudizio. È forte in noi il bisogno di rappresentare l’unica comunità in cui ci riconosciamo, fatta di relazioni sociali stabili, appena nate, complicate, vere e possibili. Questo, nel nome dell’integrazione, della multiculturalità, della accoglienza, dell’uguaglianza e a salvaguardia dei diritti troppo spesso ancora negati”.

    “La foto, scattata da Giovanni Centrella,- continua – ritrae Modou lo (pupazzo) e Bara Sheina, 21 anni, partito dal Burkina Faso. Vive ad Avellino da un anno ed è nel cast di Sciò insieme a me, Eleonora Balaceanu, Alessandro Minucci e Chiara Gimmelli”.

    Il linguaggio di Sciò è semplice, diretto, ironico, immediato ma non scevro di momenti di poesia. Il grande Achille Campanile con le sue “Tragedie in due battute” ha mostrato loro il cammino. Attraverso freddure e dissacrazioni durante lo show si vanno a distruggere alcuni luoghi comuni razzisti per scacciare via il pregiudizio.

     

    Canalarte
    La carta d’ identità di Coumba, uno dei personaggi dello spettacolo.

    Il pupazzo di gomma piuma diventa quindi mediatore e facilitatore di valori di solidarietà, integrazione e uguaglianza sociale. Sció si è fatto spettacolo, nascendo prima come laboratorio creativo di integrazione sociale.

    La storia di Sciò

    Tra ottobre 2017 e marzo 2018 un gruppo di ragazzi di Avellino uniti con altri provenienti da diversi CAS presenti sul territorio hanno dato vita a Sció. Realizzato dall’Associazione Irpinia Altruista tramite il finanziamento da parte del CSV Irpinia Solidale nell’ambito delle proposte di microprogettazione sociale 2014 – 2015, Sció ha visto nascere diciannove pupazzi (realizzati dai partecipanti utilizzando esclusivamente materiali di riciclo).

    Sedici quadri urbani, che raccontano la vita quotidiana di una piccola comunità e tre pezzi musicali nati nell’ambito del laboratorio musicale di Sciò diretto da Carmine Minichiello.

    Potrete assistere allo spettacolo scendendo la via principale, del borgo di Canale nel cortile a dx della fontanella. Ci saranno Ilaria Scarano, Eleonora Balaceanu, Bara Sheina, Alessandro Minucci, Chiara Gimmelli e poi Modou lo, Gaussou, Milena, Fatou, Rodolfo, Honnibro, Julie e tutti gli altri pupazzi.

    In Sció è rappresentata l’unica comunità in cui noi tutti dovremmo riconoscerci, una società spogliata dei preconcetti. Anche questo sarebbe un bel modo di mettersi a nudo.

    Latest Posts

    Torrioni senza medico di base: l’indifferenza dell’Asl e delle Istituzioni

    Riceviamo e pubblichiamo la nota del comune di Torrioni sulla mancanza di un medico di base problematica che non viene ancora presa in considerazione...

    Montemiletto, l’esposizione di Spiniello “La favola del re e della regina albero”

    Riprende l'esposizione del Maestro Spiniello al Castello della Leonessa di Montemiletto dal titolo "La favola del re e della regina albero" A partire da domenica...

    Nusco, domani sera Accordion Day con Carmine Ioanna e Rocco Papaleo

    Carmine Ioanna torna a suonare in Irpinia con Rocco Papaleo per la VI edizione di Accordion Day in scena presso l'Anfiteatro di Ponteromico -...

    Da Bagnoli Irpino il viaggio di Pietro in bici fino a San Giovanni Rotondo

    Da Bagnoli Irpino a San Giovanni Rotondo, domani inizia il viaggio di Pietro per rendere omaggio alla vita dopo tante peripezie e per la...