Candelora 2017. Si ripete la suggestiva “juta dei femminielli” a Montevergine



0
Candelora

Nei giorni della Candelora si ripete al Santuario della Madonna di Montevergine la suggestiva “juta dei femminielli” e con la partecipazione di Vladimir Luxuria l’evento diventa occasione di confronto sulle tematiche di genere

La Candelora nasce come festa religiosa e prende il suo nome dal rituale della benedizione delle candele, simbolo della luce di Cristo. Assume, tuttavia, una valenza particolare se la si associa alla Madonna di Montevergine, la cosiddetta “Mamma Schiavona“, a cui da anni è devota la comunità lgbt, che in processione la raggiunge per onorarla e ringraziarla.

Secondo un’antica leggenda, infatti, questa Madonna dal volto scuro, che il maestro Roberto De Simone ricorda come la Madonna “brutta che fuggì su un alto monte” nella sua raccolta “Rituali e canti della tradizione in Campania”, salvò due omosessuali condannati a morire di freddo sul monte Partenio ed è per questo che viene considerata una protettrice di omosessuali e transgender, che ogni hanno le rendono un devoto omaggio.

La presenza di Vladimir Luxuria ad Ospedaletto d’Alpinolo e ad Avellino è una preziosa occasione di confronto su tematiche di grande attualità e fa piacere sapere di essere per una volta in prima linea rispetto alla rivendicazione di diritti civili.

Ad Ospedaletto, in particolare (dove è stato aperto simbolicamente il primo bagno pubblico “no gender”), saranno scoperte due targhe che reciteranno “Ospedaletto d’Alpinolo è contro l’omotransfobia e la violenza di genere” e rende orgogliosi il fatto che un’amministrazione della nostra provincia voglia con tale gesto assumersi una vera responsabilità politica rispetto a questi temi.

La giornata sarà ricca di iniziative e non mancherà anche l’intrattenimento musicale, in serata affidato al gruppo storico campano degli Spaccapaese. Luxuria è poi attesa in serata al Black House Blues di Avellino e chi ha avuto modo di incontrarla anche negli scorsi anni sa che non si sottrae a chiacchierate su temi sociali e politici a lei molto cari, ma nemmeno a simpatiche battute!

Leggi anche