Cervinara – la tradizione del falò di Sant’Antonio con i colori biancoverdi

0

Tutto pronto domani a Cervinara per il falò di Sant’Antonio. La tradizione verrà rinnovata con i colori biancoverdi per i tanti amanti e appassionati dell’ Avellino Calcio.

Nella frazione Ferrari di Cervinara, si parla della creatività e della originalità tra sacro e profano.  Domani 17 Gennaio 2017 come ogni anno, e da tradizione, si celebrerà la festa di Sant’Antonio Abate protettore degli animali. È un attesa importante nel comune irpino più grande della Valle Caudina!

Piazza Regina Elena di Cervinara innevata
Piazza Regina Elena di Cervinara innevata

La comunità Cervinarese non aspetta altro che questo piacevole evento organizzato dall’Associazione Culturale e Ricreativa ” Borgo Ferrari” dove domani a partire dalle ore 18.00 ci sarà la benedizione degli animali con l’accensione del falò. L’attesissimo falò o il catuozzo (in dialetto) di circa 120 quintali, sarà accompagnato dall’ottima enogastronomia del territorio, infatti verrà distribuito con offerta libera il seguente menù: pasta e fagioli, polenta col sugo di maiale, vino e tanti altri pasti. 

Bandiera dell'Avellino Calcio al falò a Cervinara
Bandiera dell’Avellino Calcio al falò a Cervinara

I colori biancoverdi e la passione per l’Avellino è infinita a Cervinara. Infatti, come si nota dalle varie foto (concesse da Giovanni Iuliano, ndr), saranno proprio i colori dell’Avellino ad accompagnare l’evento di Sant’Antonio Abate a Piazza Regina Elena di Ferrari in Cervinara, che conciliando il sacro e il profano, e risapendo che il simbolo dell’Avellino Calcio è il lupo, quale occasione migliore per far benedire gli animali, magari nello specifico proprio il lupo per riconciliare cosi come accadde lo scorso anno, fede, tradizione e tifo d’appartenenza.

CONDIVIDI
Articolo precedenteUSB e ASL di Avellino in protesta il 18 gennaio. Le dichiarazioni del sindacato
Prossimo articoloTeatro d’Europa, il terzo incontro con la rassegna di poesia
Roberto Valente

Nasce a Benevento il 20/12/1991. Vive a Cervinara (AV) nel regno della Valle Caudina, dove nel 321 aC gli uomini dell’esercito romano, sconfittI nella gola di Caudio, subirono la mortificazione di dover passare disarmati sotto il giogo delle lance davanti ai vincitori. Studia Scienze Politiche presso l’Università Federico II di Napoli. È stato segretario e socio/fondatore dell’ Avellino Club Roma. Attivo come blogger e concentrato sempre sul pezzo con opinioni e critiche costruttive. Ha lavorato nel mondo del calcio come dirigente della primavera dell’Us Avellino 1912. Esperienza nel giornalismo sportivo “in progress” come redattore per Avellinio.Zon.it. Per lui lo sport è uno specchio su cui si riflette la storia di un popolo. Nel tempo libero segue la politica, pratica la palestra e gioca a calcio con amici dove è convinto di essere il Pirlo della situazione, ma in realtà è un Carrozzieri qualunque. Affronta questo impegno con costanza, onore e umiltà con la speranza di aspirare alla comunicazione del giornalismo in modo positivo. In parole povere, UMILE E SOGNATORE!