Chianche: levata di scudi contro l’impianto di compostaggio



0
chianche

A Chianche è stato costituito un Comitato civico per unire le voci di protesta contro l’erigendo biodigestore voluto dalla regione Campania. Il consigliere Cecere: “Qui abbiamo un territorio e una florida economia da proteggere”

Monta la protesta a Chianche. Il comune irpino è uno dei 13 della Campania individuati per la realizzazione di altrettanti impianti di compostaggio. Nell’avellinese i centri sono due: oltre a Chianche anche Conza della Campania. La conferma delle linee guida del nuovo Piano Rifiuti regionale è arrivata dallo stesso Governatore Vincenzo de Luca durante la conferenza stampa dello scorso 26 gennaio.

La comunità chianchese dunque è in fermento e si è spaccata. L’Amministrazione comunale, guidata dal Sindaco dott. Carlo Grillo, sembra ormai risoluta ad accettare e ad autorizzare l’erigendo impianto che andrebbe a collocarsi in quella che chianchedoveva essere l’area industriale, mai entrata in funzione, del piccolo centro ai confini con il Sannio.

Di tutt’altro avviso è il consigliere di minoranza Corrado Cecere che si è posto a capo dei cori di protesta e sta riuscendo a radunare intorno a sé sempre più persone non disposte a convivere in paese con un sito di trattamento dei rifiuti.

La preoccupazione che anima gli oppositori fa leva sulla necessità di difendere l’economia locale nonché la salubrità dell’ambiente. Siamo in un territorio particolarmente florido e con una vegetazione rigogliosa ricca di noccioleti, castagneti, querceti, funghi e tartufi, oltre alla presenza di tante aziende agricole specializzate nella produzione di uno dei vini più pregiati al mondo, il Greco di Tufo DOCG.

Partendo proprio da questi punti, sabato 28 gennaio si è svolta la riunione costitutiva del Comitato civico per la tutela e la salvaguardia della Valle del Sabato. Presenti ambientalisti ed esperti del settore, oltre ad una nutrita rappresentanza di cittadini, che hanno affrontato scientificamente le motivazioni a sostegno dell’inidoneità e inopportunità di stoccare rifiuti indifferenziati nell’area Pip di Chianche.

Nel corso dell’incontro Corrado Cecere non si è risparmiato e non ha usato mezze misure per criticare l’operato dell’Amministrazione e per difendere un territorio minacciato dalla spregiudicatezza della politica.

“Il sindaco deve confrontarsi con la comunità e con i colleghi del comprensorio prima di prendere simili decisioni scellerate – ha tuonato il consigliere Cecere – Qui c’è un territorio da rispettare e una florida economia e non si può mettere a disposizione della Regione un sito che sorge a ridosso del fiume Sabato e dei vigneti del Greco DOCG

Leggi anche