“Che film la lotta!”: al via il cineforum della Cgil al Cinema Partenio



0
Cinema Partenio
Immagine tratta da "Io, Daniel Blake" di Ken Loach

Al via al Cinema Partenio “Che film la lotta!”, cineforum organizzato dalla Cgil di Avellino. Quattro appuntamenti, ogni mercoledì, dal 22 novembre al 13 dicembre, sui temi della lotta al precariato e dell’inclusione sociale

Si apre oggi, 22 novembre, al Cinema Partenio, la rassegna “Che film la lotta!“, promossa dalla Cgil di Avellino in collaborazione con “Quaderni di CinemaSud” e le associazioni Centrodonna Avellino, ImmaginAzione e Zia Lidia Social Club.

Si tratta di quattro appuntamenti, in scena con cadenza settimanale, ogni mercoledì, fino al 13 dicembre.

I film in programma, che affrontano tematiche sociali legate alla crisi economica, al precariato e alle disuguaglianze, saranno proiettati alle 18:30 (con replica alle 20:30) e saranno seguiti da un dibattito, che vedrà presenti esponenti locali e nazionali della politica e del mondo sindacale.

Si inizia con “7 minuti” (2016) di Michele Placido, film drammatico che vede protagoniste undici donne, operaie di un’azienda tessile.

Cinema Partenio
Immagine tratta da “7 minuti” di Michele Placido

La settimana prossima si prosegue con “In bici senza sella” (2016), commedia a episodi che affronta con amara ironia il tema del precariato giovanile.

Il 6 dicembre sarà, invece, la volta di “The Piigs” (2017) di Adriano Cutraro, Federico Greco e Mirko Melchiorre, documentario che indaga il rapporto tra le attuali politiche economiche e lo stato sociale.

A chiudere la rassegna sarà “Io, Daniel Blake” di Ken Loach, pellicola anch’essa incentrata sul tema del lavoro e delle ingiustizie sociali, vincitrice della Palma d’oro al Festival di Cannes 2016.

Obiettivo di questo ciclo di appuntamenti è, dunque, quello di stimolare il confronto e la riflessione sulla sfida dei diritti che si combatte ogni giorno, anche e soprattutto attraverso la cultura, perché, come afferma Paolo Speranza, direttore artistico della rassegna, “il futuro del lavoro è il futuro delle persone“.

Leggi anche