Cisl Avellino, Antonio Perillo è il nome del collaboratore che vendeva titoli di studio in cambio di 2.000€ scoperto da Luca Abete

La Cisl Avellino stamane si è pronunciata sul grave episodio scoperto la settimana scorsa dall’inviato speciale Abete di Striscia la Notizia.

Presenti il Segretario generale della Cisl Mario Melchionna, il Segretario Generale Cisl Scuola Salvatore Bonavita affiancato dall’ex Segretario Elio Barbarisi.cisl avellino

Ma chi è Mister 2000? Si tratta di Antonio Perillo, un collaboratore della Cisl Scuola IrpiniaSannio che, si è tenuto a precisare, non ricopriva nessun incarico sindacale che peraltro non gli poteva essere conferito in quanto pensionato.

Il Segretario generale Melchionna ha dichiarato durante la conferenza stampa che la sospensione di tale collaboratore è avvenuta immediatamente, sospensione da iscritto.

Anche la denuncia presso la Procura della Repubblica di Avellino da parte dei vertici sindacali è avvenuta tempestivamente il giorno dopo l’accaduto, sabato 28 ottobre.

E’ stato fatto tutto quello che si poteva fare a tutela dell’immagine della Cisl, fortemente danneggiata dal comportamento grave di questo collaboratore, che chiedeva 2000 euro a fronte di titoli di studio necessari per la presentazione delle domande del personale ATA.

La Cisl Scuola IrpiniaSannio si ritiene parte lesa in una vicenda che la espone a vedere gravemente pregiudicata la propria immagine per azioni di cui non era venuta mai a conoscenza e che sarebbero, una volta provate, del tutto in contrasto con i valori e i principi propri dell’organizzazione.

La denuncia è stata immediatamente trasmessa nella stessa mattina di sabato 28 ottobre alla Segreteria Nazionale della Cisl Scuola e alla Redazione di “Striscia La Notizia”.

Elio Barbarisi ha condannato così questo accaduto: “con il suo comportamento Antonio Perillo ha gettato discredito su questa organizzazione, un fatto grave e deplorevole!“.

Si attende l’esito della Magistratura per un caso che fa leva sul bisogno di lavorare di tantissimi disoccupati che sembrano ormai disposti a fare di tutto pur di intravedere una possibilità di occupazione nel loro futuro.