Comunità Valle Lauro, via libera a 156 giornate lavorative



0
Domenico Biancardi, Cervinara
Domenico Biancardi

Via libera alle 156 giornate lavorative per gli operai a tempo determinato in forza alla comunità montana Partenio Vallo Lauro.

Via libera, per gli operai a tempo determinato della comunità montana Partenio Valle Lauro, di avere a disposizione 156 giornate lavorative. Provvedimento che riguarda anche le unità che fanno riferimento all’Amministrazione Provinciale, in base all’accordo istituzionale sottoscritto tra ente montano, Palazzo Caracciolo e Regione Campania. Il provvedimento varato dal presidente Domenico Biancardi consente da un lato di garantire il servizio di manutenzione delle aree verdi sui territori dei comuni del bacino di competenza – compreso l’antincendio boschivo -, dall’altro di assicurare l’occupazione degli addetti e la possibilità di accedere agli ammortizzatori sociali.

 


Il presidente Biancardi ha avviato nei giorni scorsi un tavolo di confronto con i rappresentanti delle comunità montane irpine per verificare la possibilità di una collaborazione per la manutenzione delle strade gestite dall’Amministrazione Provinciale, con particolare riferimento al taglio del frascame, alla pulizia delle cunette, alla rimozione di rifiuti, fango e pietrisco dalla carreggiata, al fine di una maggiore sicurezza per i veicoli in transito sui 1.600 chilometri di rete viaria di proprietà di Palazzo Caracciolo. All’opera funzionari e tecnici per stabilire l’iter per arrivare alla sottoscrizione dell’intesa.

 

“C’E’ MOLTO LAVORO DA FARE SUL TERRITORIO” AVEVA DICHIARATO BIANCARDI IL GIORNO DEL SUO INSEDIAMENTO

“C’è molto lavoro da fare sul territorio e ho bisogno dell’aiuto di tutti”. Furono queste le prime parole di Domenico Biancardi, una volta insediatosi come Presidente della Provincia, incarico affidatogli da pochi giorni, dopo anni in cui la prima poltrona è spettata al sindaco di Ariano Irpino, Domenico Gambacorta. .

Sempre in quella giornata, Biancardi annunciò due tavoli di lavoro, uno per i Comuni di raccordo e supporto ai sindaci ed un altro per quanto riguarda lo sviluppo della cultura e della promozione del territorio, non mancando di sottolineare il suo impegno anche a riguardo delle infrastrutture.

Leggi anche