La Coppa Italia è dell’Olimpia Milano, Avellino sconfitta 76-82



0
coppa italia

Dopo 20 anni la Milano del basket torna a vincere la Coppa Italia. Nella finale al Forum di Assago l’Avellino ce la mette tutta, ma esce sconfitta

Finale di Coppa Italia dal risultato difficilmente pronosticabile. Così come un po’ tutte le finali. Milano è reduce da due match di bassa intensità che ha dominato e stravinto meritatamente; Avellino viene da due battaglie vinte con le unghie e con i denti e cerca di coronare il sogno della coppa spinta dagli oltre 1000 tifosi irpini giunti al Forum di Assago. Contro l’Olimpia serviva la gara perfetta. Dopo un buon avvio, la Scandone subisce la maggiore aggressività dei padroni di casa. Il canovaccio della partita pare scritto sin dal primo quarto: Milano avanti, Avellino a rincorrere. Le triple di Sanders e Macvancoppa italia alla fine del primo quarto fissano il risultato sul 21-11. Nel secondo quarto la Scandone di mister Sacripanti cerca di rientrare in partita con sei punti di Nunnaly, autore di un’ ottima prova, e al libero di Pini che mettono il fiato sul collo all’ Olimpia: 39-35. Nel finale del secondo quarto di Coppa Italia, però, Milano esce fuori e allunga di nuovo la distanza grazie alle incursioni di Macvan. L’ Avellino ci riprova nel terzo quarto. Match che si fa sempre più interessante: la Scandone prova la rimonta grazie ai punti di Nunnaly e Acker ma Milano esce dalla gabbia biancoverde grazie alla tripla di Sanders e al piazzato di Simon.

L’ inizio dell ultimo quarto è da incubo per Avellino che subisce, questa volta a causa di grossolani errori tecnici, due schiacciate di fila che rivitalizzano l’Olimpia e incanalano verso Milano la vittoria. Avellino accusa il colpo e Milano inizia a giocare anche con il cronometro. La Sidigas accorcia a -9 con una prodezza di Nunnally (80-71) a 60″ dalla sirena. E’ troppo tardi putroppo. L’Olimpia Milano è campione dopo 20 anni dall’ ultimo successo.

La Scandone dalla Coppa Italia esce sconfitta (76-82). A testa alta gli uomini di mister Sacripanti lasciano la competizione. L’Avellino c’ha provato con tutte le forze. E’ mancata putroppo nei momenti decisivi, dove Milano ha saputo difendersi meglio e incidere di più sotto canestro.

Al di là del risultato, c’ è da fare solo un grande applauso alla Sidigas Avellino che ha saputo disputare una final-eight da grande squadra riuscendo a mandare un chiaro messaggio anche in ottica campionato: L’Avellino c’è e lotterà fino alla fine!

Leggi anche