Coronavirus Avella, Biancardi chiude tutto

Domenico Biancardi - coronavirus
Domenico Biancardi

Coronavirus, ad Avella il sindaco Biancardi chiude tutto. Ha emesso una nuova ordinanza che entrerà in vigore dal 23 ottobre 2020, fino al 2 novembre 2020

Coronavirus ad Avella nuove misure di contenimento dell’emergenza Covid-19, il sindaco di Avella Domenico Biancardi decide di adottare la linea dura.

Con un’ordinanza che entrerà in vigore da venerdì 23 ottobre e fino al 2 novembre 2020 nella cittadina archeologica si ferma tutto.

Per i residenti è fatto divieto, salvo comprovate necessità, di spostarsi dal territorio comunale; prevista la sospensione di ogni tipo di manifestazione, la chiusura di tutte le scuole, la chiusura del cimitero, lo stop alle attività sportive e ad altri servizi.

Queste le parole del primo cittadino per la comunità di Avella.

AVELLA
FORZA PAESE MIO
Carissimi concittadini, ho da poco firmato un’ordinanza con una serie di misure molto rigide per il contenimento della diffusione del contagio.
È un sacrificio enorme per tutti noi, ma necessario in considerazione del numero notevole di casi di positività al Covid-19.
Bisogna evitare rischi e tutto dipenderà dai nostri comportamenti.
Per questo chiedo la Vostra massima collaborazione e senso di responsabilità.
Serve l’aiuto di ognuno e delle forze dell’ordine per i controlli.
Confido in Voi.
Possiamo farcela. Supereremo insieme questa complicata situazione.
Criticatemi pure se volete…ma credetemi è un momento per me molto difficile per il ruolo e la responsabilità che rivesto.
Ma è mio dovere salvaguardare la sicurezza e la salute della cittadina che mi onoro di rappresentare.
Siamo tutti noi vicini alle famiglie che sono state colpite da questo Virus…insieme ce la faremo !!!

Continua su Avellino zon

Letture Consigliate
Articolo precedenteCoronavirus Solofra, 6 positivi dello stesso nucleo familiare
Prossimo articoloDe Luca: “È necessario chiudere tutto”
Avatar
Marika Cifiello nasce ad Avellino nel 1980, dove consegue il diploma magistrale con abilitazione all'insegnamento nelle scuole infanzia e primaria. Da sempre interessata alla lettura e alla psicologia, è impegnata nel sociale, aiutando i ragazzi in un centro autismo della provincia avellinese.La passione per il giornalismo d'inchiesta la spinge verso le prime esperienze in una emittente televisiva locale. Istintivamente attratta dalle notizie di stretta attualità, coniuga la capacità di reperire notizie in prima persona a una naturale predisposizione e sensibilità che, negli anni, le ha permesso di vivere attivamente alcuni dei fatti più eclatanti rimasti impressi nel territorio irpino.