Curiosità – In una mostra di Parma spunta la maglia dell’ Us Avellino di Federico Rossi

0

Siamo fuori regione, esattamente a Busseto in provincia di Parma, dove in una mostra locale spunta la maglia gloriosa dell’Us Avellino di Federico Rossi e un pallone autografato.

I valori dello sport insegnano tanto, ed ecco che a Busseto in provincia di Parma parte  la 6a edizione di “SportivaMente – La Cultura fatta con i Muscoli”, manifestazione organizzata dall’Associazione Sportiva Dilettantistica Full Monty Football Club.

La mostra dedicata ai Campioni di Busseto che hanno raggiunto un alto grado di eccellenza nel loro ambito sportivo, nove stelle che brillano nel firmamento capaci capaci di illuminare il percorso di chi vuole seguirne le orme che hanno tenuto alto il nome di questo paese in tutto il mondo: Paolo Scaramuzza, Samuele Romanini, Fabrizio Tosini. Non potevano mancare gli illustri pedatori verdiani coi palloni da loro usati e le magliette indossate che hanno militato nel massimo campionato di calcio italiano, dando lustro al loro paese: Adriano Rossi, Federico Rossi, Riccardo Bulgarani.

Maglia dell’Us Avellino indossata da Federico Rossi

La curiosità – All’interno della mostra spunta una  maglia biancoverde, quella  indossata da Federico Rossi (Foto – ndr) nella stagione 1981-1982, quando l’Avellino militava in Serie A, e una gigantografia del personaggio, accompagnata dal suo curriculum sportivo, di Federico che con i lupi colleziono 29 presenze. Oltre la maglia,  è visibile anche un pallone di gara (Foto- ndr) usato  in quel periodo e che fu firmato da tutta la squadra

Pallone firmato da tutta la squadra dell’ Us Avellino stagione 1981-1982

Chi è amante dello sport in generale, ma soprattutto tifoso e appassionato dell’Avellino, non può non fermarsi davanti alla storia, di una provincia, di una città, che ha militato per ben 10 anni nella massima serie calcistica.

CONDIVIDI
Articolo precedenteAvellino, giovane 20enne ruba specchietto di un’auto: denunciato
Prossimo articoloVincenzo Fiore presenta il saggio “Platone totalitario” ad Avellino
Roberto Valente

Nasce a Benevento il 20/12/1991. Vive a Cervinara (AV) nel regno della Valle Caudina, dove nel 321 aC gli uomini dell’esercito romano, sconfittI nella gola di Caudio, subirono la mortificazione di dover passare disarmati sotto il giogo delle lance davanti ai vincitori. Studia Scienze Politiche presso l’Università Federico II di Napoli. È stato segretario e socio/fondatore dell’ Avellino Club Roma. Attivo come blogger e concentrato sempre sul pezzo con opinioni e critiche costruttive. Ha lavorato nel mondo del calcio come dirigente della primavera dell’Us Avellino 1912. Esperienza nel giornalismo sportivo “in progress” come redattore per Avellinio.Zon.it. Per lui lo sport è uno specchio su cui si riflette la storia di un popolo. Nel tempo libero segue la politica, pratica la palestra e gioca a calcio con amici dove è convinto di essere il Pirlo della situazione, ma in realtà è un Carrozzieri qualunque. Affronta questo impegno con costanza, onore e umiltà con la speranza di aspirare alla comunicazione del giornalismo in modo positivo. In parole povere, UMILE E SOGNATORE!