Dell’Anno: «Il sindaco dovrebbe chiamarci per decidere a chi affidare la squadra»

0

L’ex capo tifoso della Curva Sud ha rilasciato alcune dichiarazioni all’ingresso della porta carraia dello stadio. Ecco le parole di Mario Dell’Anno

Mario Dell’Anno, storico tifoso biancoverde, ha rilasciato alcune dichiarazioni alla stampa all’ingresso della porta carraia del «Partenio-Lombardi» dove, insieme agli altri sostenitori irpini, ha salutato i calciatori che abbandonavano mestamente lo stadio.

Queste le sue parole: «Non so quale sarà la decisione di Walter Taccone, se porterà la squadra al sindaco o deciderà di ripartire, ma ripartire da cosa?» si chiede Dell’Anno, che poi aggiunge: «Vogliamo una società seria, con delle buone basi, partendo dal settore giovanile e da una buona scuola calcio.

Visto che abbiamo fatto un sacrificio nel marzo 2013 (con l’acquisizione del logo, ndr), oggi siamo in condizione anche noi tifosi di dire la nostra, quindi non sceglierà solo il sindaco Vincenzo Ciampi a chi affidare la squadra; il primo cittadino dovrebbe chiamarci e decidere insieme a noi, sempre se Taccone consegna la società al sindaco, questa è un’altra fase perché il presidente potrebbe ripartire anche con la Primavera».Mario Dell'AnnoSulla bocciatura e sul futuro del club: «Ero ottimista perché il ricorso era stato preparato bene, però tutto questo accanimento contro l’Avellino (CONI, FIGC, Lega B) ci ha lasciato poche speranze.

A bocce ferme, a differenza del 2009 (anno del fallimento targato Pugliese, ndr), noi dell’associazione “Per la Storia” decideremo con calma e tranquillità come muoverci. Oggi potrei togliermi tanti sassolini dalle scarpe, ma non lo faccio perché non rientra nel mio costume».