martedì - 24 Maggio 2022
More

    Diventare sommelier? Ecco il corso per acquisire tutte le competenze necessarie

    Ultime Notizie

    Diventare sommelier? Ecco il corso per acquisire tutte le competenze necessarie a fare la professione e a togliersi tante curiosità se solo appassionati di vino.

    Diventare sommelier? Ecco il corso per acquisire tutte le competenze necessarie a fare la professione e a togliersi tante curiosità se solo appassionati di vino.  Corso di formazione (600h) 𝗚𝗥𝗔𝗧𝗨𝗜𝗧𝗢 di Sommelier con attestato di qualifica Regionale.

    - Advertisement -

    Puoi aderire se: ✅ Hai tra i 16 ed i 35 anni ✅ Sei in stato di disoccupazione ✅ Non frequentare corsi di studio, tirocini o formazione professionale ✅ Sei residente nelle Regioni meno sviluppate e in transizione (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia) ✅ possiedi il titolo attestante un livello di qualifica regionale di operatore professionale e/o diploma di istruzione superiore.

    Hai tutti i requisiti necessari? Contattaci allo 0823/844436 – 3760551647

    Il termine Sommelier

    Il termine sommelier deriva dal francese medio saumalier. In origine il significato era conducente di bestie da soma; col tempo mutato in addetto ai viveri, poi in cantiniere. L’origine latina va individuata nella parola sagma, che significa soma e, per estensione, il carico che gli animali da soma trasportano.

    La figura del sommelier è diversa da quella dell’assaggiatore di vino, seppure sono comuni la degustazione professionale di un vino nonché la conoscenza e la cultura dei vini. L’assaggiatore si focalizza sul giudizio tecnico e sulla qualità del vino (in particolare, è addestrato per rilevare e giudicare gli eventuali difetti presenti o la conformità all’eventuale disciplinare o modello produttivo/territoriale); il sommelier integra l’assaggio con la presentazione, il servizio e l’abbinamento del vino. A differenza di una degustazione eseguita da un assaggiatore (che deve esclusivamente utilizzare dei termini codificati), il sommelier deve sapere “raccontare” (cioè “comunicare”) un vino ovvero, in misura variabile al contesto in cui si trova, descriverlo anche in termini “lirici” (linguaggio poetico) oltre che strettamente specialistici (linguaggio tecnico).

    CONTINUA SU AVELLINO ZON

    Latest Posts