martedì - 29 Novembre 2022
More

    Elezioni politiche, a Bagnoli Irpino dirigenti, amministratori e candidati Pd

    Ultime Notizie

    Nella Sala consiliare del comune di Bagnoli Irpino sono stati presentati i candidati del Partito Democratico irpino in vista delle Elezioni politiche in programma il 25 settembre

    Un momento di territorio del Partito Democratico, che come di consueto, grazie ai circoli locali riesce ad organizzare incontri e convegni tematici. A Bagnoli Irpino il Pd è stato ripristinato da poco e si è strutturato con una dirigenza ed un segretario. Quasi in maniera tempestiva, anche perché il 25 settembre si vota per le Elezioni politiche.

    - Advertisement -

    “Verso il 25 settembre” è il titolo del convegno elettorale che ha visto la partecipazione cospicua di una parte della popolazione, ovviamente vicina al Partito Democratico e non solo. Il momento, dicevamo è stato consono per permettere al circolo locale di presentarsi con il nuovo segretario Teresa Di Capua. 

    Ma, l’attenzione è stata tutta rivolta agli interventi dei dirigenti prima e poi ai candidati all’uninominale: Maurizio Petracca, Rosetta D’Amelio e Carlo Iannace. Non era presente il sindaco di Cervinara e candidata alle Elezioni Politiche Caterina Lengua.

    Interventi incentrati su cosa rappresentano queste elezioni, a cominciare dal segretario del Pd irpino Nello Pizza che ha ricordato l’importanza di un partito strutturato e non di singoli individui. Il territorio prima di tutto, come ha sottolineato il sindaco di Montella, nonché presidente della Provincia di Avellino Rino Buonopane: “La provincia è vicina a questi territori, anche per quanto riguarda i servizi e stiamo facendo qualcosa, come ad esempio le strade ed una in particolare che è quella che collega Bagnoli a Lioni e Nusco. Ma non solo per le zone come le nostre ci dobbiamo attivare e dare una mano in più ai comuni, per questo voglio anche ricordare che per l’Ente Provincia Bagnoli è il polo turistico principale e che quasi sicuramente sarà tappa del prossimo Giro d’Italia”.

    Prima di lasciare la parola ai candidati è stato il momento di Luigi D’Angelis presidente del Consorzio Servizi Sociali Alta Irpinia, che ha sottolineato come questa amministrazione provinciale sia più vicina all’Alta Irpinia rispetto a quella precedente. Questo è stato anche l’auspicio del Primo cittadino di Bagnoli Irpino Filippo Nigro che ha augurato un in bocca al lupo ai candidati alle Elezioni politiche, chiedendo, qual ora fossero eletti di ricordarsi del territorio.

    Non sono mancate le polemiche e le stoccate alla Destra. Gelsomino Centanni, sindaco di Calabritto e presidente della Comunità Montana Terminio Cervialto: “Ho sentito in questi giorni polemiche nei confronti della mia presidenza. La destra commenta che noi siamo legati alla poltrona, ma non è così, noi ci siamo perché abbiamo i voti e la fiducia degli amministratori, loro invece non ci stanno sul territorio. Con il voto al Partito Democratico si possono risolvere i problemi, quelli che non sanno quelli come Rotondi, che ha sposato una mia compaesana, ma non l’ho mai visto a Calabritto”.

    “Questa è un’elezione importante ed ha ancora più senso la mia candidatura se dall’altra parte non si parla di Sud e si continua con l’Autonomia Differenziata, che accentua il divario Nord Sud”, ha affermato Rosetta D’Amelio. “Non si può votare la Destra, per quello che pensa di fare”, ha concluso.

    Per Iannace: “Votare la Destra oggi vuol dire meno infrastrutture e noi abbiamo bisogno di Ospedali di territorio e meno Pronti soccorsi ingolfati. Molte delle cose che dicono gli altri e stanno facendo le altre regioni in Campania De Luca le ha fatte prima”.

    Le conclusioni sono state affidate a Maurizio Petracca che ha sollecitato a prendere in considerazione l’idea che “dietro questo simbolo ci sono delle persone presenti sul territorio” e continua “Chi vota a Destra al Sud è nemico di se stesso, perché per loro il Sud non esiste, non è menzionato nei loro programmi. Per la Meloni il Pnrr va rimodulato a suo piacimento e questo va a togliere risorse a noi. Noi siamo diversi, noi siamo qui e lavoriamo qui: Io, Rosetta, Carlo e Caterina e tutti gli altri”.

    CONTINUA SU AVELLINO ZON

    Latest Posts

    spot_img
    spot_img
    spot_img
    spot_img
    spot_img
    spot_img
    spot_img
    spot_img