Ezio Capuano: «Il campo di Rieti non è perfetto come manto erboso»

Ezio Capuano-Avellino Calcio

Ecco le parole dell’attuale allenatore del Rieti. Ezio Capuano, subentrato a gennaio, con la squadra reatina ha raggiunto la salvezza diretta in Lega Pro

Il tecnico salernitano Ezio Capuano, che in passato è stato accostato anche all’Avellino (leggi qui), ai microfoni di Sport Channel 214 ha parlato dello spareggio tra i Lupi e il Lanusei.

Queste le parole dell’attuale allenatore del Rieti: «L’Avellino sicuramente arriva a questa sfida con un entusiasmo notevole rispetto al Lanusei, arriva in maniera devastante sotto l’aspetto delle motivazioni. Per me i biancoverdi, come potenziale umano, sono nettamente più forti. Poi, a livello ambientale, i Lupi giocheranno in casa perché avranno tutto il pubblico dalla loro parte; conoscendo il campo di Rieti, è meglio giocare al “Centro d’Italia-Manlio Scopigno” che al “Partenio”, perché lì il campo è attaccato e quindi si sente ancora di più.

Al Lanusei posso fare soltanto i complimenti, perché ha fatto un campionato sopra le righe – ha proseguito Ezio Capuano – però l’Avellino non può stare in Serie D, quindi auguro agli irpini di tornare immediatamente in Lega Pro».Ezio Capuano

Sulle condizioni del terreno di gioco: «Nessuno si aspetti un campo perfetto sotto l’aspetto del manto erboso, adesso è leggermente meglio ma per tutto l’anno non è stato sempre tenuto bene, quindi qualche rimbalzo ci sarà».

Sulla rimonta dei Lupi: «L’Avellino è una squadra forte, quindi ha fatto qualcosa di importante. Piuttosto, non mi aspettavo che il Lanusei nelle ultime partite potesse dilapidare tutto quello che aveva fatto e accumulato.

Questa partita va preparata più che altro sotto l’aspetto mentale – ha concluso Ezio Capuano, che con la squadra reatina ha raggiunto la salvezza diretta in Lega Pro – Comunque, un plauso va fatto anche all’allenatore del Lanusei, Aldo Gardini, che ha dimostrato il proprio valore».

Letture Consigliate