Alla fiera di Francoforte, i capolavori de “Il Papavero”



0
Il Papavero

“Zac e la bussola magica” sarà presentato dalla casa editrice irpina il Papavero alla Fiera di Francoforte, la più importante fiera del libro 

Zac, protagonista di una collana editoriale de Il Papavero, è stato realizzato da Vincenzo Lauria, architetto, diplomato in sceneggiatura all’Accademia Disney e verrà presentato alla Fiera di Francoforte, la più importante fiera del libro a livello internazionale per lo scambio dei diritti, giunta alla sua 70esima edizione.

Lauria, che vanta diverse collaborazioni con testate, italiane e non, come Prezzemolo (ed. Egmont), Topo Gigio (ed. Cioè), Topolino (Disney), Icomics (Kawama), Monò (Tunuè)Nuvole D’Ardesia, per cui cura storie e disegni, ha dato vita a Zac, ideato da Donatella De Bartolomeis.

Riccioli castani è un bambino come tanti altri. Con una mamma super impegnata, poco tempo con gli amici e molte ore con la testa nel tablet. È proprio questa normalità che consente ai piccoli cuccioli d’uomo di identificarsi con il personaggio; è un loro pari e se Zac, a modo suo, è un eroe, ogni bambino può esserlo senza bisogno di armi, di super poteri o di sfide al limite.

Il Papavero

L’unica vera arma è nell’aprire il cuore e la mente. La vera magia è nel grande cuore di Zac, che lo spingerà a donare la sua unica e ultima monetina a uno strano clochard che, per ringraziarlo, gli dona una bussola magica capace di trasportarlo in un luogo segreto abitato da una strana creatura, Ted, un vero topo di biblioteca.

In ogni episodio, in ogni nuova avventura, il topo e il bambino, cavalcando un libro-volante, visiteranno epoche diverse, luoghi e mondi sconosciuti e altre culture.

Il libro presentato a Francoforte  – ha dichiarato l’editore Donatella de Bartolomeis – è la start up della collana, che presto sarà divulgato anche sui social come numero zero. Un progetto ambizioso che grazie all’abile mano di Vincenzo Lauria, illustratore già conosciuto e apprezzato all’estero è destinato a entrare nei cuori dei nostri bambini.

Zac e la bussola magica non è l’unico libro che la casa editrice irpina il Papavero ha presentato alla Fiera di Francoforte.

Il Papavero

I libri portati in Fiera da il Papavero

Il diario di pietra NOF 4, di Alessandra Cotoloni, per i 40 anni dalla legge Basaglia, racconta la straordinaria storia di Fernando Nannetti che incise la sua esperienza manicomiale, le sue fantasie e i suoi sogni lungo 180 metri lineari di muro. Le sue incisioni, ritenute anche art brut, hanno conquistato un’intera sezione del museo di Losanna in Svizzera.

Il male di vivere, della dott.ssa Silvana Grano, per sensibilizzare i giovani alla prevenzione dei disturbi alimentari. Il romanzo che ha come protagonista un’adolescente tratta il tema dell’anoressia per avvicinare i ragazzi alla prevenzione in maniera più emotiva e viscerale.

Accadde una notte di Valentina Basile, ambientato nella Norimberga del 400. Tutto il romanzo si sviluppa in una notte in cui un uomo è costretto ad assistere al parto di sua moglie in un’epoca in cui agli uomini era vietato. Trasporta il lettore tra i colori, i profumi, gli stati d’animo e la cultura della Germania del 400.

Luce d’ambra di Maria Laura Ferrera. Si tratta di una storia d’amore nata su Facebook che si svilupperà inaspettatamente tra la Roma dei giorni d’oggi e la Roma del ‘400. Deja vu, fiato sospeso, incredulità e un’immensa, avvolgente luce d’ambra. Presentato anche presso l’Università di Philadelphia con il patrocinio del Consolato Italiano e dell’American Association.

Minimamente, del poeta argentino Gito Minore, ogni singola poesia della raccolta ha un intero corpo di emozioni che non si sgretolano, anzi si uniscono e rafforzano, si sviluppano come catene buone, come legami indissolubili.

Hanry Carter, di Luca Zullo, perfetto connubio tra il thriller psicologico e quello d’azione, dalla valenza internazionale, Henry Carter dissotterra una società corrotta per portarne alla luce vizi e bestialità, una società che per accondiscendere ai desideri di un politico in ascesa, dà il suoi tacito assenso a un traffico di minori dai risvolti inquietanti.

Leggi anche