mercoledì - 5 Agosto 2020

Irpinia, il Mercato auto riprende dopo il Covid: ecco il dato delle vendite

Torna a crescere il mercato auto in Irpinia e cambia la classifica dei brand. Ecco il dato delle vendite di automobili dopo uno stallo...
More

    “Forza Avellino andiamo a riprenderCi ciò che ci spetta per tornare dove meritiAmo”

    Ultime Notizie

    Irpinia, il Mercato auto riprende dopo il Covid: ecco il dato delle vendite

    Torna a crescere il mercato auto in Irpinia e cambia la classifica dei brand. Ecco il dato delle vendite di automobili dopo uno stallo...

    Pensioni invalidità, Esposito (Mid): “Noi disabili che meritiamo rispetto”

    Riceviamo e pubblichiamo la nota del coordinatore regionale del Movimento Italiano Disabili Esposito sull'aumento delle pensioni di invalidità ancora non attuato dall'Inps Il Coordinatore Regionale...

    La fisarmonica di Ioanna incanta l’Irpinia in questa estate imbavagliata

    C'era bisogno di intrattenimento, di note, di poesia in questa estate con la mascherina e Carmine Ioanna ne ha regalate tante, insieme all'attore Rocco...

    Santa Paolina, i consiglieri Egidio e Gambino contro l’amministrazione Ricciardelli

    Riceviamo e pubblichiamo la nota dei consiglieri Egidio e Gambino contro l'amministrazione di Santa Paolina: "CREATE DISCARICHE SUL TERRITORIO E POI PROTESTATE CONTRO IL...

    Ecco la lettera di un tifoso dell’Avellino Calcio che ci racconta da quel 18 maggio 2018 fino ad oggi, in vista della sfida in quel di Rieti contro il Lanusei 

    Avellino – “18 maggio 2018, data che sancì l’ennesima salvezza dopo un lungo anno segnato da alti e bassi. Un’altra stagione passata tra le gradinate della Curva Sud e degli stadi in giro per l’Italia.

    - Advertisement -

    Quel giorno tornai nella mia Morra con il pensiero rivolto già alla stagione successiva, sperando in qualcosa in più. Ma purtroppo, nei mesi che si susseguirono, quel pensiero, quella speranza si tramutò in un incubo; incubo che divenne realtà in una mattina di agosto, giorno in cui le lacrime di Capitan D’Angelo e del bomber Castaldo furono l’emblema di una delusione profonda.

    Nuovamente dopo 10 anni il Lupo ricadde nell’abisso per delle colpe che sono ben note. Una città, una provincia, un popolo distrutto. L’angoscia di quei giorni è ancora viva. Ricordo bene la paura, l’amarezza che mi/ci accomunava.

    Rosario Buscetto

    Un qualcosa che non si può spiegare. Impotenza assoluta. Ed una sola domanda rimbombava nella testa: e ora cosa accadrà? Un mix di voci, notizie, commenti riecheggiavano in quegli attimi. Ma forse non tutti i mali vengono per nuocere. Ci voleva qualcosa che dava una speranza ad un popolo che non c’entrava nulla, che ha sempre dato il massimo, a sostegno di una fede. Non meritavamo tutto ciò!

    Il segnale arrivò con l’affidamento del movimento calcistico all’imprenditore De Cesare che ha dato e fatto tanto per il Basket e che, proprio per questo, garantì e sostenne la rinascita del lupo.

    Pronti via, l’incubo dell’Avellino in serie D si esibì ai primi di settembre.
    Increduli ci guardavamo in faccia, sempre da quei gradoni della curva sud, e ancora stentavamo a crederci. Un qualcosa di irreale. Ma quando l’arbitro fischiò il calcio di iniziò e partì il primo coro, in me, in noi il cuore ritornò a battere. Il lupo aveva bisogno di tutto il gruppo che non l’aveva mai abbandonato e, nemmeno stavolta, l’avrebbe fatto.

    Proprio in quei momenti occorreva stare più vicini a tutto il contesto e, da modesto imprenditore operaio quale sono, mi sentii di supportare e avvalorare, in prima persona e secondo le mie possibilità, la società.

    Tutti insieme siamo ripartiti in una dimensione che ci stava stretta, strettissima.
    Giorno dopo giorno, difficoltà dopo difficoltà, il lupo si stava rialzando, non mollando mai e fiero del nome che porta. L’obiettivo era chiaro. Campionato complicato sin dall’inizio, squadra creata in pochi giorni.

    La preda sembrava inarrivabile ma, con determinazione e caparbietà, l’abbiamo raggiunta e abbrancata. Nulla ancora è stato fatto, un’ultima battaglia decisiva ci aspetta. La carovana è pronta, l’invasione biancoverde, in quel di Rieti, è in atto.

    Non esiste categoria per questa passione, non esiste categoria per sostenere e fiancheggiare il Lupo! Forza Avellino andiamo a riprenderCi ciò che ci spetta per tornare dove meritiAmo di stare!“.

    Rosario Buscetto

    Latest Posts

    Irpinia, il Mercato auto riprende dopo il Covid: ecco il dato delle vendite

    Torna a crescere il mercato auto in Irpinia e cambia la classifica dei brand. Ecco il dato delle vendite di automobili dopo uno stallo...

    Pensioni invalidità, Esposito (Mid): “Noi disabili che meritiamo rispetto”

    Riceviamo e pubblichiamo la nota del coordinatore regionale del Movimento Italiano Disabili Esposito sull'aumento delle pensioni di invalidità ancora non attuato dall'Inps Il Coordinatore Regionale...

    La fisarmonica di Ioanna incanta l’Irpinia in questa estate imbavagliata

    C'era bisogno di intrattenimento, di note, di poesia in questa estate con la mascherina e Carmine Ioanna ne ha regalate tante, insieme all'attore Rocco...

    Santa Paolina, i consiglieri Egidio e Gambino contro l’amministrazione Ricciardelli

    Riceviamo e pubblichiamo la nota dei consiglieri Egidio e Gambino contro l'amministrazione di Santa Paolina: "CREATE DISCARICHE SUL TERRITORIO E POI PROTESTATE CONTRO IL...