Gesualdo, Liliana Segre cittadina onoraria?



0

Gesualdo valuta di assegnare la cittadinanza onoraria a Liliana Segre. Richiesta avanzata da Carmine Cogliano, ex consigliere. Al via la raccolta firme

La vicenda di Liliana Segre continua ad essere al centro della scena, anche in Irpinia. Dopo i fatti tristi che l’hanno vista protagonista e che hanno visto assegnarle una scorta per proteggerla dagli insulti crescenti dell’ultimo periodo, non è mancata la solidarietà da varie parti d’Italia. Da Napoli, a Sassari, passando per Bologna, sono in tantissime le città in cui si sta discutendo se fornire a Liliana Segre, sopravvissuta alla deportazione ad Auschwitz, la cittadinanza onoraria. La proposta arriva anche da Gesualdo e viene avanzata da Carmine Cogliano, ex consigliere comunale.

Cogliano si è mosso direttamente sui social, su facebook, dove ha lanciato l’idea.

“Chi è favorevole a concedere la cittadinanza onoraria a Liliana Segre? Chiaramente sto parlando del Comune di Gesualdo, anche perchè il nostro Comune è antifascita e contro il razzismo, vero?”.

Questo il post di Cogliano, che poi chiede nei commenti di rispondere solo con sì o con no, raccogliendo un buon numero di sì.

Adesso è la volta della raccolta firme. La cittadina di Gesualdo è invitata domenica in Piazza Neviera. Le firme saranno poi consegnate al Comune che dovrà valutare se concedere o meno la cittadinanza onoraria alla 89enne senatrice.

LILIANA SEGRE E LA COMMISSIONE ANTI ODIO

Facciamo un passo indietro e vediamo cosa è accaduto ultimamente di molto chiacchierato intorno alla figura di Liliana Segre.  La senatrice a vita, 89 anni compiuti a settembre, sopravvissuta all’Olocausto e reduce dai campi di sterminio, vive da tempo con il bersaglio degli insulti sui social. Proprio questa pioggia di insulti l’ha portata ad essere prima firmataria al Senato per la creazione di una Commissione parlamentare per il contrasto ai fenomeni dell’intolleranza, del razzismo, dell’antisemitismo e dell’istigazione all’odio e alla violenza. La Commissione è stata istituita il 31 ottobre con 151 sì ma con l’astensione di Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia.

Al momento la Segre è sotto scorta, convive quotidiamente con due carabinieri che l’accompagnano e la sorvegliano 24 ore al giorno. Ciò proprio a causa dei continui insulti che riceve.

Leggi anche : https://avellino.zon.it/ariano-irpino-psi-esprime-compiacimento-per-franza/

Leggi anche