Gli studenti della Campania viaggiano a costo zero



0
Campania

La Regione Campania ha stanziato 15 milioni e 600 mila euro per ricoprire le spese degli abbonamenti annuali degli studenti fino a 26 anni che utilizzano i mezzi di trasporto pubblico per raggiungere gli edifici scolastici

Nel bilancio di previsione 2016 della Regione Campania sono stati destinati per il diritto alla mobilità 15 milioni e 600 mila eurocifra che consentirà agli studenti campani di muoversi a costo zero per recarsi agli istituti scolastici di diverso ordine e grado.

Un’iniziativa allettante della Regione Campania che dà un sostanziale contributo economico alle tasche delle famiglie campane, le quali all’inizio di ogni anno scolastico si trovano a dover fare i conti con il caro libri e tasse esorbitanti.

Il diritto allo studio è uno dei diritti fondamentali ed inalienabili della persona sancito dalla Dichiarazione universale dei diritti umani dell’ONU(Organizzazione delle Nazioni Unite) e come tale deve essere garantito a tutti, promuovendo l’istruzione e facendo calare il tasso di analfabetismo. Regione Campania, viaggiare gratis

Dal 20 luglio, gli studenti potranno presentare la domanda, se in possesso di tali requisiti, indispensabili alla fruizione dell’abbonamento: età compresa tra 11 e 26 anni compiuti; iscrizione a scuola secondaria di primo e secondo grado o all’Università; distanza casa-scuola superiore a 1 km; esibizione del certificato ISEE (redditometro) non superiore a 35 mila euro.

Gli interessati dovranno registrarsi sul sito del Consorzio Unico Campania (www.unicocampania.it) per compilare e stampare il modulo di richiesta.

Gli abbonamenti in questione potranno essere aziendali o integrati, utilizzati solo nei giorni feriali ed avranno scadenza fissata al 31/07/2017. Gli studenti già in possesso di un abbonamento in corso di validità non hanno diritto al rimborso. 

Chi intende richiedere l’abbonamento Unico Campania, avendo i requisiti previsti, avrà l’onere di pagare annualmente una somma pari a 50 euro per le spese di gestione, per l’emissione della smart card ed un deposito cauzionale da restituire all’utente.

 

Leggi anche