Gianmarco Crò, attore e regista cresciuto e formatosi in Irpinia, sbarca sul web con “Il bello, il brutto e la tipa”, dal 22 dicembre online

Abbiamo già ascoltato e intervistato diverse volte il giovane attore di formazione irpina Gianmarco Crò. Lo abbiamo seguito in “Tutto può accadere nel Villaggio dei Miracoli” (Leggi QUI), sbarcato anche sulla Rai, in “Senza Filtro”(Leggi QUI), presentato al Laceno d’Oro e nella web serie “Kill s’ammazz” (Leggi QUI).gianmarco crò

Per Crò è giunto ora un nuovo capitolo, dopo l’esperienza teatrale e quella di aiuto regia al fianco di Claudio Insegno. Dal 22 dicembre, sarà infatti online, sul canale Youtube di “Sly Production”, la prima di cinque puntate della serie “Il bello, il brutto e la tipa”, web serie scritta, diretta e interpretata dallo stesso Crò.

Sinossi

Il “bello” (Gianmarco Crò) è il tipico figlio di papà, arrivato da poco a Roma e amante della bella vita. Al suo fianco ha addirittura un consigliere, Ermenegildo (Claudio di Paola). Nella città capitolina divide l’appartamento con “il brutto” (Matteo Magazzù), trentenne senza un lavoro fisso che si arrangia facendo il cantastorie per strada, senza successo. Tra i due si inserisce “la tipa” (Alessandra Ferraro), bella e impossibile che divide le sue attenzioni tra la ricerca di un partner e i social network.

La web serie si presenta come una disincantata derisione del mondo social, in cui ci prendiamo tanto cura della nostra immagine, falsata rispetto ad una vita priva di reali relazioni sociali.

Con la partecipazione di…

Oltre ai personaggi già citati, entreranno in scena la migliore amica della “tipa”, Priscilla, interpretata da Lorenza Giacometti, la mamma di Priscilla, interpretata da Teresa del Vecchio, attrice con una grande esperienza teatrale e cinematografica, vista più volte accanto a Vincenzo Salemme in film come “Cose da pazzi” e “No problem”.

A questi interpreti si aggiungono le sorelle della “tipa” Iris Basilicata e Malena, nota al pubblico più adulto per il suo esordio nel mondo del porno, accanto a Rocco Siffredi.

Altro volto noto ai più sarà la mamma della “tipa”, interpretata da Milena Miconi, che ha recitato in famosissime serie tv come “Don Matteo”, “Gente di mare 2”, “Rex” e “Un medico in famiglia 8”

Intervista all’autore

  • Gianmarco Crò, scrivere, dirigere e recitare in una web serie. Quale ruolo preferisci?

“Sicuramente in una scaletta, la recitazione è al primo posto, poi quando scrivi un testo e lo metti in scena, a teatro o in una web serie, ovviamente risulta bello quando vedi realizzarsi ciò che scrivi e difficile se l’idea che avevi di regia non riesci a realizzarla per intoppi nella realizzazione. Comunque in una scaletta, la recitazione al primo posto, la scrittura e poi la regia.”

  • La serie ruota intorno ai social network, che rapporto hai tu con essi?

“Nella serie viene parodiata l’immagine della fashion blogger, piuttosto che quella della food blogger. Il mio rapporto con i social è un rapporto molto attivo. Per quanto riguarda Facebook e Instagram è anche un modo per coinvolgere e tenere aggiornate le persone che ti stanno vicine o meno, riguardo gli eventi che uno propone, però bisogna farne un uso attento e moderato.”

  • Hai diretto due attrici di esperienza come Milena Miconi e Teresa del Vecchio. Avere sul set la loro esperienza fa la differenza?

    Gianmarco crò
    Milena Miconi

“Quando si lavora con dei professionisti come loro è tutto più facile e si lavora sull’esperienza e anche sulla qualità. Poi ho un rapporto di amicizia e stima reciproca con queste due professioniste. È da apprezzare anche che loro si siano fatte dirigere da me, che sono un regista emergente e alle prime armi.”

  • Nella serie reciterà anche Malena. Dal porno alla commedia il passo non è così semplice. Come l’avete convinta? Come sono stati i primi contatti?

    gianmarco crò
    Filomena Mastromarino (Malena)

“Sì, nella serie c’è anche Malena. La scelta, ovviamente, non è dettata dal fatto che provenga dal mondo hard, ma semplicemente è un personaggio seguito molto sui social, uno di quelli che sta acquisendo una determinata notorietà. C’è stata la possibilità di inserirla in un contesto avulso da quello per cui tutti la conoscono, quindi è anche una sfida e metterla nei panni di qualcosa che non le appartiene, o almeno che all’inizio della serie non le appartiene, ma che uscirà fuori. Ovviamente non sfocerà nel mondo porno, ma viene presentata nelle vesti della sorella della “tipa”, la più santarellina, un po’ “suorina”. Scopriremo nella storia l’evoluzione di questo personaggio.”

  • Dai ai lettori di Avellino.zon tre motivi per guardare la prima puntata del 22 dicembre

“Ai lettori di Avellino.zon dico di guardare questa serie perché penso faccia ridere. Poi perché ci sono degli attori molto molto bravi e una storia che prende vita proprio grazie a loro.”