domenica - 20 Settembre 2020

Serino, l’ultimo saluto a Silvio: “Giovani lasciatevi aiutare” – le parole di Don Gianluca

Si sono svolti ieri pomeriggio i funerali di Silvio, il giovane di Serino scomparso lo scorso lunedì, il parroco si è rivolto ai giovani...
More

    Il Papavero al Premio Strega con “Il Diario di Pietra”

    Ultime Notizie

    Serino, l’ultimo saluto a Silvio: “Giovani lasciatevi aiutare” – le parole di Don Gianluca

    Si sono svolti ieri pomeriggio i funerali di Silvio, il giovane di Serino scomparso lo scorso lunedì, il parroco si è rivolto ai giovani...

    Coronavirus, ancora quattro casi in Provincia di Avellino. Ecco dove

    Altri quattro casi di positività al Coronavirus in Provincia di Avellino, come comunica l'Azienda Sanitaria Locale due sono di Avellino ed altri due a...

    Calitri, furto cavi elettrici ladri in fuga all’arrivo dei Carabinieri

    Sono stati messi in fuga dai Carabinieri di Calitri i ladri di cavi elettrici che erano all'opera questa notte nel comune altirpino Calitri - I...

    Avellino, ai domiciliari scoperto in possesso di stupefacenti

    AVELLINO – AI DOMICILIARI, SORPRESO DAI CARABINIERI IN POSSESSO DI STUPEFACENTI: 43ENNE IN CARCERE La lotta senza quartiere allo spaccio in Irpinia da parte dei...

    Grande orgoglio per la casa editrice Edizioni il Papavero selezionata tra i libri del Premio Strega 2019 con il romanzo Il Diario di Pietra di Alessandra Cotoloni

    Il Papavero approda al Premio Strega 2019. Annunciato ieri l’undicesimo gruppo di libri proposti dagli Amici della domenica per il Premio Strega 2019. Tra essi campeggia “Il Diario di Pietra” di Alessandra Cotoloni edito Edizioni il Papavero.

    - Advertisement -

    Un romanzo che affronta con estrema sensibilità il tema della malattia mentale prima che la legge Basaglia nel 1978, sancisse la fine dell’istituzione manicomiale in Italia.

    A presentare il “Diario di Pietra” al Premio Strega è Piero Mastroberardino, viticultore alla decima generazione, Professore Ordinario di Business Management nell’Università, autore di numerose pubblicazioni scientifiche internazionali sui temi del management, artista nei campi del disegno e della pittura, della narrativa e della poesia che descrive la pubblicazione come: Romanzo storico dalle venature socio-antropologiche”.

    “Protagonista è Fernando Nannetti, che incise la sua storia su 180 metri lineari di muro nel corso della sua permanenza nel manicomio di Volterra – continua Matroberardino – Il racconto è anche romanzo dell’anima: la scrittrice mostra l’uomo oltre le apparenze, al di là di etichette e della stessa malattia. A parlare è quel muro, che trasuda le intime sofferenze di persone escluse dalle proprie comunità familiari e sociali, nonché le violenze a cui i pazienti spesso erano sottoposti, torture che li tramutavano in fantasmi. La narrazione è guidata dal messaggio principale di cui il protagonista è esclusivo depositario: la sequenza delle comunicazioni trasmessegli da alieni che, dopo averlo nominato “colonnello astrale”, complice la colonna vertebrale che fungeva da tubo catodico, gli trasferivano eleggendolo a vettore connettivo di mondi lontani. Il dibattito si apre proprio laddove la storia del Nannetti apparentemente si conclude: quarant’anni dopo la legge Basaglia, ancora siamo alla ricerca di una soluzione ad un problema tuttora vivo nelle nostre comunità.”

    cotoloni, il papavero

    Un libro già vincitore di ben tre concorsi di narrativa e selezionato dall’antro di Chirone e dall’UNISA per il dibattito sui 40 anni dalla legge Basaglia, un libro destinato a far discutere ed emozionare.

    Lo sa bene l’editore Donatella De Bartolomeis, che dapprima ha creduto nel romanzo della Cotoloni.

    Alessandra Cotoloni, ha la capacità di farti entrare nel personaggio, che attraverso le sue parole diventa persona. Ha il grande merito di restituire dignità a chi era stato privato anche della sua connotazione di uomo” – spiega la De Bartolomeis.

    Un grande traguardo per una casa editrice da sempre impegnata nel sociale. E che già in passato era stata selezionata per ben due volte al Premio Strega con i romanzi di Gerardo Pepe. Nel 2011 con Francesco è pronto e sposerà Tina Turner e nel 2014 con la La mia ora di vento.

    È importante selezionare libri di spessore, dal forte impatto sociale. È solo attraverso una rivoluzione culturale che si potrà cambiare il mondo” –conclude la De Bartolomeis.

    Latest Posts

    Serino, l’ultimo saluto a Silvio: “Giovani lasciatevi aiutare” – le parole di Don Gianluca

    Si sono svolti ieri pomeriggio i funerali di Silvio, il giovane di Serino scomparso lo scorso lunedì, il parroco si è rivolto ai giovani...

    Coronavirus, ancora quattro casi in Provincia di Avellino. Ecco dove

    Altri quattro casi di positività al Coronavirus in Provincia di Avellino, come comunica l'Azienda Sanitaria Locale due sono di Avellino ed altri due a...

    Calitri, furto cavi elettrici ladri in fuga all’arrivo dei Carabinieri

    Sono stati messi in fuga dai Carabinieri di Calitri i ladri di cavi elettrici che erano all'opera questa notte nel comune altirpino Calitri - I...

    Avellino, ai domiciliari scoperto in possesso di stupefacenti

    AVELLINO – AI DOMICILIARI, SORPRESO DAI CARABINIERI IN POSSESSO DI STUPEFACENTI: 43ENNE IN CARCERE La lotta senza quartiere allo spaccio in Irpinia da parte dei...