Record di presenze per la sesta edizione della camminata rosa. Domenica 29, il “fiume rosa” ha contato circa 10.000 partecipanti

La camminata rosa organizzata da ADMOS (Associazione donne meridionali operate al seno) e Amos (Associazione Meridionali operate al seno) ha raggiunto il record massimo di presenze: ben 10.000 persone hanno partecipato a questo grande evento volto alla conoscenza della prevenzione per il tumore al seno.

 

Domenica 29 settembre chiunque poteva ammirare donne, uomini e bambini che indossavano la maglietta e lo zainetto rosa, molti quelli che bevevano dalla borraccia in acciaio, perché ricordiamo che quest’anno la camminata rosa è stata plastic free. Il ricavato, inoltre, quest’anno andrà  al Crom di Mercogliano, l’istituto ricerche oncologiche della “Fondazione Pascale” di Napoli. 

Dunque, è stata grande la soddisfazione per la sesta edizione della camminata rosa sia per le associazioni ma soprattutto per il Dott. Carlo Iannace che non ha mai smesso di credere nell’ iniziativa la quale ogni anno ha sempre raccolto più persone.

Quest’anno a tagliare il nastro della partenza, insieme a lui era presente anche il governatore della Regione Campania Vincenzo De Luca, la presidente del consiglio regionale Rosetta D’Amelio, il direttore generale dell’Azienda Ospedaliera Moscati di Avellino Renato Pizzuti e la direttrice generale dell’Asl di Avellino Maria Morgante.

Tutti hanno espresso il loro sostegno per le donne operate, per le future e per le loro famiglie. Inoltre, De Luca ha indicato nella prevenzione lo strumento decisivo per sconfiggere le patologie tumorali e neoplastiche.

“In Campania ci si ammala in misura minore che altrove, ma è più alta la mortalità, proprio perchè non si fa abbastanza prevenzione, non si effettuano i controlli preventivi necessari” – questo ha affermato il governatore della regione Campania.

10.000 persone per la camminata ma un solo messaggio: La prevenzione è vita.