“In ricordo di un amico…”: Mercogliano, VI Memorial per Michele Valente



0
mercogliano

Anche quest’anno, Mercogliano, la famiglia, gli amici e chiunque conoscesse Michele, gli hanno reso omaggio, qualche giorno dopo quello che sarebbe dovuto essere il suo 24esimo compleanno

Il 27 Febbraio 2014 scomparve prematuramente Michele Valente. La comunità di Mercogliano non lo ha mai dimenticato, infatti la famiglia e gli amici più cari amano ricordarlo in un modo particolare e in uno dei luoghi più frequentati da lui.

Domenica, 22 settembre, l’ ASD Mercogliano 2012, la Zeza di Mercogliano, l’oratorio Don Bosco , “La lumanera” e un’attività locale del posto (Forno di Gerardo) come ogni anno, hanno organizzato una giornata all’insegna del divertimento per ricordare serenamente il caro amico Michele.mercogliano

Il luogo dell’evento non è da sottovalutare, il campetto delle suore salesiane a Capocastello (Centro storico di Mercogliano) era un posto molto frequentato da Michele.

La giornata è iniziata alle ore 11.00, con l’iscrizione ai tornei, dopo di che la famiglia ha offerto un pranzo a chi volesse trattenersi; dalle 15.00 ha avuto inizio il torneo di briscola alla fine del quale si è celebrata una santa messa per ricordare Michele; Successivamente si è continuato il momento gioviale tramite il torneo di calcio, infine alle 20.30 circa c’è stata la premiazione.

Ma la giornata non era ancora finita, dalle 21.00 si è andato il via a balli e canti “perché anche se era un ragazzo riservato e tranquillo amava stare in compagnia, magari ballando o facendo karaoke con i suoi amici”, ciò mi racconta un suo vecchio amico ed allenatore calcistico, “I momenti più toccanti” – continua – “sono stati il lancio dei palloncini in cielo alla fine della santa messa e la consegna simbolica alla famiglia, della sua divisa calcistica del Mercogliano, con il numero 7”.

Ma chi era Michele? L’amico di tutti. Un ragazzo che non hai mai dato problemi, uno di quelli sempre disponibile…una bella persona. Sulla bocca di tutti,  alla domanda:“Com’ era Michele?” la risposta è univoca: “bravo ragazzo”.

Si impegnava in molte iniziative proposte dalla sua città, viveva nel centro storico e per questo era molto conosciuto un po’ da tutti, anche perché era militante della squadra calcistica ASD Mercogliano ed inoltre membro attivo della storica festa carnevalesca “la Zeza”.

 

Amante della natura, adorava impiegare il suo tempo libero così: si recava al campo maggiore di Montevergine, durante soprattutto i giorni che precedono il 15 agosto, (Festa del Campo) per campeggiare con i suoi amici, tra musica, balli, escursioni in montagna…

Insomma, è stata una giornata ricca di forti emozioni, divertirsi non ha significato non ricordare Michele, anzi… il ricordo era ancora più forte, perché non si poteva ballare, cantare o giocare insieme a lui, ma tutti sanno che soprattutto in quell’occasione, chissà da quale punto del mondo, Michele sorrideva.

Leggi anche