Inseguimento sull’Ofantina, due arresti per tentata rapina



0

Due uomini, ritenuti responsabili di una tentata rapina ad un’azienda agricola di Castelvetere, sono stati arrestati dai Carabinieri dopo un inseguimento sull’Ofantina

Nella giornata di ieri si è conclusa con l’arresto, dopo un inseguimento sull’Ofantina, la fuga di due uomini ritenuti responsabili di una tentata rapina.

I due, un 59enne ed un 35enne  provenienti dal capoluogo irpino e già noti alle Forze di Polizia, si sono introdotti in un’azienda agricola di Castelvetere sul Calore con il presumibile intento di compiere un furto. Tuttavia, sono stati sorpresi dall’imprevisto arrivo del titolare dell’impresa.

Dopo aver minacciato l’uomo con un oggetto metallico, i due malintenzionati si sono dati alla fuga a bordo di un’utilitaria di colore scuro.

I Carabinieri, allertati dall’allarme dato al 112, si sono messi tempestivamente alla ricerca dei fuggiaschi. Una gazzella del Nucleo Operativo e Radiomobile di Avellino ha intercettato il veicolo dei due sull’Ofantina e, invertendo la propria marcia, ha dato il via all’inseguimento.

Inseguimento sull'Ofantina, due arresti per tentata rapinaQuest’ultimo si è protratto per circa 4 chilometri finché, in prossimità dello svincolo di Manocalzati, gli uomini dell’Arma sono riusciti a fermare il mezzo in piena sicurezza bloccando i due occupanti.

Intanto, i militari della Compagnia di Montella sono venuti in soccorso del proprietario dell’azienda agricola eseguendo  un sopralluogo tecnico e il repertamento di evidenze presso il luogo dove si erano svolti i fatti.

I due presunti responsabili del tentativo di furto sono stati condotti in caserma e, di fronte all’evidenza della flagranza di reato, sono stati dichiarati in arresto per tentata rapina.

Su disposizione della Procura della Repubblica di Avellino, diretta dal procuratore Rosario Cantelmo, sono stati, quindi,  trattenuti presso le camere di sicurezza del Comando Provinciale di Avellino in attesa di comparire nella mattinata odierna dinanzi al Tribunale per essere giudicati con la formula del rito direttissimo.

Leggi anche