Intervista a Silvia Pescatore, promessa della moda irpina



0
silvia pescatore

L’Atelier Gedy Martone Sposa, al fianco delle donne da oltre trent’anni nel giorno più importante della loro vita, è lieto di invitarvi alla presentazione di “Preludio”, la nuova collezione Sposa, Cerimonia e Pellicceria disegnata da Silvia Pescatore

Sabato 29 ottobre, nell’incantevole scenario di Villa Orsini a Mirabella Eclano, sarà presentata la nuova linea sartoriale “Preludio”, preziosa e sofisticata, al passo con le tendenze, creata dalla stilista Silvia Pescatore e realizzata nei laboratori interni dell’ Atelier Martone in Via Francesco De Sanctis di Avellino.

Facciamo due chiacchiere con l’emergente stilista irpina, per scoprire la nuova collezione Preludio Bridal Collection by Gedy Martone ed immergerci nei dettagli di uno stile così chic.

Chi è Silvia Pescatore? Raccontami di te.

Sono nata ad Avellino nel 1986 e dopo gli studi artistici mi sono trasferita a Roma per frequentare l’Istituto Europeo di Design, specializzando i miei studi in fashion design. Mi sono laureata nel 2007/08 e sono tornata ad Avellino per iniziare il tirocinio presso aziende campane. Dopo il tirocinio, durato un paio di anni, ho lanciato il mio brand “Sivus lab” nel 2010 ed ho aperto due negozi a Salerno e ad Avellino. Nel 2012, ho conosciuto Pasquale Manganiello, mio attuale marito ed è iniziato un sodalizio professionale e sentimentale. E’ stata questa l’esperienza più grande della mia vita. Dopo ho ricevuto proposte da alcune maison di moda come direttore creativo.

Cos’è per te la moda?

La moda, per me, è passione ma soprattutto aria. E’ un’ attitudine…..un qualcosa che non si può spiegare con le parole.

Sabato 29 ottobre, alle ore 18.00, presenterai la nuova collezione Sposa “Preludio” disegnata per l’atelier Gedy Martone. Com’è nata questa collezione? A quale donna è rivolta?Intervista a Silvia Pescatore, promessa della moda irpina

L’azienda Martone mi ha voluta fortemente nella sua squadra come direttore creativo della sua nuova linea che si chiamerà “Preludio”. Ho accettato volentieri l’incarico in quanto questa azienda investe nella sartorialità e nella cura maniacale del dettaglio, affine al mio modus operandi. La collezione è austera, dall’aria quasi regale e la donna è poliedrica, eclettica ed ha molteplici attitudini.

Una curiosità, da cosa deriva il nome “Preludio”?

Il logo di preludio è ispirato all’uovo di Fabergé per evocare ed identificare i valori e la scelta di pregio del progetto. Rappresenta ricchezza, fortuna ed esprime l’eleganza in ogni dettaglio. 

Perché l’abito da sposa sia perfetto, cosa non deve mai mancare?

La personalità ed il carattere. Un abito da sposa sarà perfetto quando incontrerà e “sposerà” il carattere di chi lo indossa.

Quale consiglio ti senti di dare a un giovane designer che vuole intraprendere la tua stessa carriera?

Avere pazienza, essere forte, credere in quel che si fa, essere propensi ai cambiamenti perchè la moda è un mondo dinamico che non ammette limiti e se si cade, essere pronti a rialzarsi.

In bocca al lupo Silvia, giovane stilista appassionata.

 

Leggi anche