martedì - 27 Settembre 2022
More

    Isochimica, ancora una vittima: la numero 27

    Ultime Notizie

    Ennesima vittima per l’Isochimica di Avellino: la fabbrica dei veleni che pian piano sta mietendo vittime e rimane un capitolo ancora aperto per la città 

    Nella giornata di ieri è arrivata la notizia della 27esima vittima dell’Isochimica di Avellino e sono molte le parole di conforto per le famiglie che hanno perso i propri cari a partire dalla Cgil e da Luca Cipriano.

    - Advertisement -

    “Ancora la morte un operaio dell’ex fabbrica dei veleni:  – così Luca Cipriano – l’Isochimica di Avellino e sul futuro dello stabilimento di Graziano c’è chi dice di voler realizzare un parco, un parcheggio di interscambio. Io dico che le morti meritano rispetto e silenzio, ma il mio impegno sarà quello di attivare una task force per monitorare e seguire la bonifica di quell’area con la Regione Campania per completare quel processo. L’Isochimica deve essere un capitolo chiuso per la città di Avellino, un capitolo che va avanti da troppo tempo ed è necessario chiudere. Insieme ai residenti vedremo sul futuro cosa fare, ma toccherà al futuro sindaco di Avellino chiudere quel capitolo, per la rinascita di quel quartiere”.

    Note per l'anima
    Luca Cipriano

    Arriva in maniera tempestiva anche il cordoglio e l’appello della Cgil di Avellino sull’ennesima morte dell’Isochimica, che al corteo del Primo Maggio ha messo l’accento anche su questa tematica.

    “Oggi c’è stata l’ennesima vittima dell’Isochimica Giovanni ed ieri #PrimoMaggio2019 il Segretario Generale Franco Fiordellisi ha fatto questo passaggio nel suo intervento finale al comizio: “Nel giorno della Festa dei Lavoratori del Primo Maggio ricordiamo i morti sul lavoro o per causa di servizio e malattia professionale, in particolare ex isochimica, vicenda ancora non chiusa, con un processo Che si celebra fuori Avellino, ulteriore vergogna, che deve servire da monito e memoria per dare il giusto valore alla salute, alla prevenzione della salute umana e ambientale.

    Franco Fiordellisi
    Il segretario Cgil Franco Fiordellisi

    La sicurezza sul lavoro deve essere, per tutti, un principio ineludibile. nel 2018 sono tornati a crescere morti e infortuni con danni permanenti, un prezzo umano ed economico intollerabile, eppure il Governo ha tagliato le aliquote Inail. Le attività produttive devono essere organizzate, rispettando rigorosamente le misure anti-infortunistiche, di tutela della salute e dell’ambiente. Anche nella sicurezza la sfida è la qualità, e non l’impoverimento del lavoro fino a renderlo lavoro nero, grigio come troppe volte denunciamo.”

    La Cgil si stringe alla famiglia e ai compagni di lavoro di Giovanni, che la terra gli sia lieve.

    Latest Posts

    spot_img
    spot_img
    spot_img
    spot_img
    spot_img
    spot_img
    spot_img