LA “FESTA DEI NONNI” AD AVELLINO



0
avellino

Più di 1200 alunni dell’Istituto Perna-Alighieri di Avellino si sono recati alla casa di riposo A. Rubilli per la Festa dei Nonni 2019

Sono ancora una volta i bambini a darci il buon esempio! Durante la mattinata di oggi, dalle ore 10:30, una considerevole rappresentanza di studenti dell’Istituto Perna-Alighieri di Avellino, è stata in grado di onorare la Festa dei Nonni in maniera esemplare.

È di oltre 1200 il numero di alunni della scuola in questione che sono stati coinvolti nell’iniziativa. Lo ha segnalato proprio il Dirigente scolastico Attilio Lieto tramite un comunicato in cui faceva presente l’imminente visita che i suoi scolari avrebbero effettuato presso la casa di cura Alfonso Rubilli di Avellino.

Dalla scuola dell’infanzia sino alla secondaria di primo grado gli alunni di Avellino si sono dilettati nella preparazione di lavoretti donati in seguito agli ospiti della struttura che li ha piacevolmente ricevuti. Inoltre, hanno intrattenuto con l’esecuzione di alcuni canti e poesie. Insomma, i nonni in degenza sono diventati dei nonni che hanno apprezzato l’esistenza.avellino

 

La “Festa Nazionale dei Nonni” viene commemorata in Italia solo dal 2005, quando è stata designata come legge, però esisteva già in precedenza in altri posti del mondo. Questa ricorrenza richiama il valore che possiede la figura del nonno all’interno dei vari nuclei familiari e per quanto riguarda le società che si susseguono nel corso del tempo. Occorre riconoscere il loro valore, la presenza, l’affetto cogliendone gli insegnamenti anche in quei gesti che magari ci appaiono “vecchi”.

Non sono una carrozzina da parcheggiare in un angolo della casa, non sono la noia nell’ascoltare mentre raccontano esperienze passate e tradizioni che non trovano più attuazione, ma le braccia in cui si correva da piccoli dopo un rimprovero dei genitori, sono sorgente di conoscenza e pilastri fondamentali nella vita di un bambino.

“I nonni ti vedono crescere sapendo che ti lasceranno prima degli altri. Forse è per questo che ti amano più di tutti”.

Leggi anche: Serino, il racconto della festa dei nonni

Leggi anche