Laceno, cani avvelenati nella zona residenziale

0
Laceno

Sono stati ritrovati i corpi di soli due cani randagi su quattro che trascorrevano le giornate nella zona residenziale dell’Altopiano Laceno, al di sotto delle Seggiovie e sono stati avvelenati

Erano quattro cani che si aggiravano intorno alla parte residenziale dell’Altopiano Laceno, una madre e tre cuccioli, che a quanto pare avevano anche subito la sterilizzazione e l’installazione del micro chip identificativo dell’Asl.

Il ritrovamento dei corpi senza vita è avvenuto il 30 dicembre dagli operatori della zona: la madre è stata ritrovata tra l’Hotel Grisone e la zona residenziale, un cucciolo è stato ritrovato un po’ più distante, già divenuto preda di qualche animale selvatico.irpino

Si sta procedendo alla ricerca degli altri due, sempre nell’areale residenziale del Laceno dove soprattutto la madre aveva trovato ristoro tra i vari ristoranti ed alberghi della zona.

Un fenomeno simile è capitato anche a febbraio dell’anno scorso, quando un altro cane pastore ritrovato morto con un buco in testa, ha allertato i fruitori del Laceno ed a Settembre dell’anno scorso un altro cane avvelenato.

Il fenomeno dell’abbandono dei cani a Laceno è molto radicato e da anni si sta combattendo per la risoluzione di un problema che riguarda tutto il comprensorio di Bagnoli Irpino.

Ogni mese arrivano nuovi ospiti, impauriti e vittime del freddo, della fame; il più delle volte i nuovi cani faticano ad essere accettati da altri cani perché ci vuole del tempo per essere accettati nel branco.

Tanti non sopravvivono, soprattutto quelli di piccola taglia e i corpi sono il pasto di altri animali selvatici che per sopravvivere si spingono fino alla zona residenziale del Laceno per cercare cibo.

Leggi anche:

Laceno, la denuncia “Ci hanno lasciati da soli