mercoledì - 14 Aprile 2021

Vaccino, oggi somministrate 2.928 dosi in Irpinia

Oggi somministrate 2.928 dosi di vaccino in Provincia di Avellino presso le sedi accreditate da parte dell’Asl di Avellino Nella giornata di oggi 13 aprile...
More

    “Leggere Muscetta”, l’evento letterario al Victor Hugo

    Ultime Notizie

    La lettura si svolgerà il 22 agosto presso la “Casa della Cultura” Victor Hugo di Avellino, dedicata a Carlo Muscetta, storico e critico della letteratura

    [ads1]

    - Advertisement -

    Nell’anniversario della sua nascita, il Centro di Ricerca “Guido Dorso” e l’Assessorato alla Cultura del comune di Avellino hanno organizzato un evento letterario dal titolo: “Leggere Muscetta, Topografia sentimentale di Avellino”.

    carlo muscetta
    Carlo Muscetta

    L’iniziativa culturale è stata promossa, per ricordare e far conoscere soprattutto ai più giovani la figura di Carlo Muscetta (Avellino, 22 agosto 1912 – Aci Trezza, 22 marzo 2004), illustre critico della Letteratura e poeta italiano del Novecento.

    Appuntamento fissato per il 22 agosto al Palazzo Victor Hugo di Avellino, sede del Centro Dorso in Piazza XXIII Novembre, dove rappresentanti del mondo scolastico, politico e dell’informazione leggeranno brani scelti da una delle ultime opere del poeta avellinese, L’erranza, memorie in forma di lettere.

    La selezione dei testi è stata curata dal giornalista e critico letterario Generoso Picone: l’opera di Muscetta presa in esame vuole evidenziare lo stretto legame del poeta con la sua Avellino, luogo dell’infanzia e della memoria.

    victor hugo
    Palazzo Victor Hugo, Piazza XXIII Novembre, Avellino

    Nato e cresciuto ad Avellino, Muscetta frequenta il Liceo Classico “Pietro Colletta”, successivamente si laurea in Lettere all’Università di Firenze (1934), discutendo una tesi su De Sanctis e la Francia.

    Fu Professore di Letteratura italiana dal 1963 al 1983 nell’Università di Catania e poi alla “Sapienza” di Roma; di formazione crociana, aderì prima all’azionismo e poi al marxismo. Collaborò con molte riviste politiche e culturali, quali Primato, Rinascita e Società. Si interessò in modo particolare della figura di Francesco De Sanctis, di cui diresse l’edizione completa delle Opere in 22 volumi (1951-1993); per la casa editrice Einaudi, diresse il Parnaso Italiano, per la Feltrinelli la Biblioteca dei classici italiani e per Laterza l’illustre e monumentale Letteratura italiana. Storia e testi. Tra le principali opere si ricordano Realismo e controrealismo (1958), Cultura e poesia in Giuseppe Gioachino Belli (1961), Giovanni Boccaccio (1972), Studi sul De Sanctis (1980), Giudizio di valore, Pagine critiche di storicismo integrale (1992). Tradusse anche I fiori del male di Baudelaire e scrisse versi in proprio (Versi e versioni, 1986).

    Fonte foto: Google

    [ads2]

    Latest Posts