venerdì - 28 Gennaio 2022
More

    Lioni, sorpreso con 30 q di legna 40enne nei guai

    Ultime Notizie

    Il legname è stato sottoposto a sequestro dai Carabinieri di Lioni e il 40enne denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino per “furto aggravato”.

    Nel corso di un servizio di controllo del territorio, i Carabinieri della Stazione Forestale di Lioni hanno sorpreso un 40enne di Calabritto in possesso di circa 30 quintali di legna di acero, cerro e carpino, di cui non è stato in grado di fornire elementi in merito alla tracciabilità.

    - Advertisement -

    Dagli ulteriori accertamenti è emerso che la legna era stata tagliata e asportata qualche giorno prima da terreni di proprietà comunale.

    Il legname è stato sottoposto a sequestro e il 40enne denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino per “furto aggravato”.

    Alla medesima Autorità Giudiziaria i Carabinieri della Stazione Forestale di Lioni hanno deferito anche un allevatore di bestiame, per “invasione di terreni”: lo stesso, in agro del Comune di Calabritto, avrebbe arbitrariamente proceduto a recintare con pali di legno e rete metallica una superficie di circa 400 metri quadrati, sottostante a dei viadotti della SS 691, dove erano stati poi introdotti circa 150 ovini.

    Nell’ambito dei controlli finalizzati a verificare la regolarità delle attività venatorie nel territorio irpino, i Carabinieri delle Stazioni di Ospedaletto d’Alpinolo e Pratola Serra, all’esito di un servizio svolto congiuntamente a Guardie Venatorie locali, hanno denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino un 40enne e un 60enne di Tufo, ritenuti responsabili di varie violazioni in materia di armi.

    I due, sottoposti a controllo in località boschiva del comune di Tufo, avevano nelle rispettive autovetture un fucile da caccia, sebbene il 60enne non fosse in possesso di licenza di caccia e il 40enne l’avesse scaduta.

    Dalle successive verifiche è emerso altresì che i predetti detenevano nelle rispettive abitazioni svariate armi e munizioni (alcune non denunciate), omettendo di adottare le dovute cautele per la loro custodia.

    L’attività ha portato complessivamente al sequestro penale di due pistole, dieci fucili, una carabina ad aria compressa, una daga, due pugnali e circa 250 cartucce di vario tipo e calibro.

    CONTINUA SU AVELLINO ZON

    Latest Posts