Continua la protesta di studenti e docenti del Liceo Scientifico Mancini

0

I turni di pomeriggio non possono essere una soluzione per gli studenti e i docenti del Liceo Scientifico Mancini che continuano la loro (giusta) protesta

È ormai trascorso quasi un mese da quando i carabinieri del Comando provinciale di Avellino hanno posto i sigilli allo storico edificio che ospitava il Liceo Scientifico Mancini in via De Conciliis.

Due solai a rischio crollo, hanno spinto i magistrati ad una scelta che pare non trovare una soluzione definitiva. Da quel giorno più di 1200 studenti vivono una situazione di disagio assoluto.

mancini avellino

I turni di pomeriggio, divisi tra diversi istituti sono strenuanti. Entrare in classe alle 13.30 comporta una serie di difficoltà non poco rilevanti. A cominciare dai servizi di trasporto che non sono sempre assicurati per i 900 studenti che provengono dalla provincia, la maggioranza quindi nel Liceo Scientifico Mancini. Inoltre molti, hanno dovuto rinunciare alle attività extrascolastiche che si svolgono di pomeriggio.

Senza trascurare il personale e i docenti che si trovano a dover modificare vita privata e scolastica. In una nota da parte dei docenti alla città, al Sindaco, all’Ente Provincia, al Dirigente dell’UST, al Dirigente dell’USR Campania e al Miur si legge:

“Ridurre il nostro tempo a scuola al pomeriggio/sera comporta una seria mutilazione delle attività che ci costringe tra l’altro ad essere inadempienti rispetto rispetto alle indicazioni normative e ministeriali”.

mancini avellino

Progetti di alternanza scuola-lavoro, corsi di recupero, attività di ampliamento dell’offerta formativa, laboratori di potenziamento, progettazione PON e bandi MIUR, corsi di formazione docenti, incontri scuola famiglia, tutto viene compromesso. Un duro colpo per un istututo eccellente quale il Mancini. Circa 30 studenti hanno già chiesto il trasferimento in altri istituti. I ragazzi non ci stanno, continuano la loro protesta e sono pronti a portarla avanti nonostante gli venga chiesto tempo e pazienza dagli enti.