Marius Bizău:”Bisogna valorizzare i paesini come San Michele di Serino”

0
marius bizau , san michele di serino

Ospite dell’Associazione Teatrale “G & D Show”, l’attore Marius Bizău con il suo spettacolo sull’integrazione… abbiamo fatto quattro chiacchiere con lui

Grande successo per lo spettacolo teatrale Drumul – La strada con Marius Bizău, che si è tenuto lo scorso weekend, ne “La Bottega del Sottoscala” a San Michele di Serino.

L’evento organizzato dall’Associazione Teatrale “G & D Show”, si inserisce all’interno della Rassegna Teatrale (R)Esistiamo, che da un anno a questa parte, con il patrocinio del Comune di San Michele di Serino e in collaborazione con l’Oratorio Don Pasquale Lamberti, punta a restituire cultura al paese attraverso incontri, spettacoli e laboratori indirizzati a grandi e piccini.

Drumul narra la storia di Marius Bizău, attore affermato sulla scena nazionale e internazionale. Nato in Romania, durante il difficile periodo della dittatura Cesausescu, all’età di 14 anni fu costretto a lasciare il proprio Paese che non gli garantiva più una vita dignitosa.

“Mancavano perfino gli alimenti nei supermercati” – racconta l’attore nel suo monologo.

marius bizau , san michele di serino

Uno spettacolo intenso che si costruisce attraverso la comunicazione con il pubblico, lo stesso Marius ci ha rivelato di preferire i piccoli palchi, come quello della Bottega del Sottoscala, dove il confronto con il pubblico avviene in modo diretto e pulito da filtri esterni.

Nonostante affronti un tema difficile come quello dell’immigrazione, Drumul si propone prima di tutto come un racconto umoristico che, attraverso il riso, riesca a condurre per mano lo spettatore verso una maggiore consapevolezza.

D’altronte il teatro ha sempre avuto una funzione educativa, appartiene al polopolo e resta al popolo. Lo sa bene Marius che ricorda con grande orgoglio le proprie origini.

“Mia madre oggi è la mia prima sostenitrice” – gli si illuminano gli occhi quando parla di sua madre, una donna che abbiamo modo di ammirare durante tutto il monologo. Testarda, coraggiosa, dura e dedita al sacrificio, la madre di Marius è l’esempio di chi non si rassegna alla propria condizione e investe tutti i propri mezzi nella speranza di un futuro migliore.

Drumul è un racconto che gioca sulla cultura e la lingua. Abilmente l’attore spazia tra l’italiano, la lingua romena, l’accento romano e con un po’ di ironia arriva a toccare le punte dell’italiano con l’accento rumeno. Esempio di come si possano trasformare le nostre caratteristiche e quelli che a volte ci sembrano i nostri punti deboli, nei nostri punti di forza.

“Ho avuto modo di visitare San Michele di Serino, ho notato con molto stupore i dipinti sulle facciate dei palazzi…bisognerebbe valorizzare questi paesini

E a chi si ritrova oggi a dover lasciare la sua terra per la speranza di un futuro migliore, Marius consiglia di restare aperti verso gli stimoli provenienti dall’esterno.