Oggi pomeriggio si è tenuta la visita del Capo dello Stato Sergio Mattarella alla Biogem di Ariano Irpino. Tantissima partecipazione collettiva da parte dei cittadini

Primo pomeriggio di mercoledì 5 settembre. Ariano Irpino. Tratto Martini – Camporeale costeggiato da bandiere tricolore sulle terrazze, sui balconi, davanti la porta delle varie abitazioni, davanti i negozi, i bar. Un colpo d’occhio di notevole bellezza, che richiama l’alto amore patriottico dei cittadini di Ariano Irpino. Non mancano, nel medesimo tratto, anche pattuglie delle forze dell’ordine appositamente posizionate lungo i bordi della carreggiata. Il sentore che qualcosa di importante bolla in pentola c’è, ed è forte. Infatti c’è adrenalina, emozione e tanta attesa nella città di Ariano Irpino per l’apertura del meeting Le Due Culture, nella sede della Biogem. Ed in particolare, l’evento di nota della prima giornata è la visita del nostro Presidente della Repubblica, di Sergio Mattarella.

Il Capo dello Stato, il terzo Capo dello Stato in ordine cronologico a recarsi ad Ariano Irpino, è arrivato alle 16.15 circa, atterrando all’Arena Pietro Mennea, in rione Martiri. Imponente e massiccia la schiera di forze dell’ordine impiegate per l’evento. Porte blindate per l’ingresso e per l’avvicinamento verso l’Arena, vietato per chiunque. Ciò non ha impedito, tuttavia, a tantissimi di attendere Mattarella al di fuori del campo sportivo, per un saluto a distanza.  Alle 16.30 il Presidente è arrivato alla Biogem dove ha salutato i bambini e le varie scolaresche accorsi numerosi con bandierine tricolori. Arrivato in compagnia del sindaco di Ariano nonché Presidente della Provincia, Domenico Gambacorta, e di Ortensio Zecchino, presidente Biogem.

Dopo un mini tour nei corridoi del centro ed una visita ad alcuni dei tanti laboratori presenti nella struttura, il Presidente ha fatto il suo ingresso nella sala preposta alla conferenza. Un applauso interminabile, di stima, rispetto, ed affetto, ha accolto il Primo cittadino italiano al momento del suo arrivo.

MATTARELLA : NON POSSIAMO ESPRIMERE DIFFIDENZA ED INDIFFERENZA NEI CONFRONTI DELLA SCIENZA

Verso le 19 ha preso la parola il Capo dello Stato. Parole  estremamente incisive quelle pronunciate da Mattarella. Oltre i ringraziamenti di rito, ha infatti evidenziato come sia suggestivo il tema della X edizione del meeting Le Due Culture, ossia “Cosmologia – L’uomo eterno Ulisse nell’infinità dei mondi”, e come non sempre l’uomo moderno interpreti bene il ruolo di Ulisse, di come non sempre si riesca a distinguere ciò che è bene da ciò che è male e di come non sempre si riesca a tener conto della scienza. A questo proposito Mattarella ha dichiarato : “Non possiamo esprimere diffidenza ed indifferenza nei confronti della scienza”, ricevendo applausi a iosa dal pubblico in sala. In merito al problema che coinvolge l’Irpinia da anni, ossia l’emigrazione giovanile, Mattarella ha espresso il suo compiacimento verso attività come Biogem, che rappresentano un vanto per tutto il movimento irpino, anzi meridionale, considerando anche la folta rete di collaborazione che c’è dietro la struttura. “Biogem produce cultura e semina cultura non solo in chi vi lavora, ma nell’intero contesto. Questo è il modo per riattivare il Sud e la ripresa giovanile di tutto il Meridione” le parole del Presidente. Ciò nonostante, Mattarella ha inoltre specificato quanto sia importante che i giovani irpini abbiano iniziative e siano volenterosi, definendo questo già un ottimo punto di partenza.

 

Al termine delle dichiarazioni, strette di mano e saluti da parte del Presidente verso i presenti in sala.

Una giornata da ricordare per Ariano Irpino, un’esperienza che in tanti ricorderanno a lungo. Non possiamo che unirci ai ringraziamenti verso il Capo dello Stato Sergio Mattarella che ci ha onorato della sua visita.